energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Per bruciare sterpaglie manda a fuoco 18.000 metri quadrati di bosco, denunciato Breaking news, Cronaca

Marradi – Per bruciare i resti della potatura e del taglio di arbusti di vegetazione infestante non aveva trovato di meglio che accendere un fuoco. Ma la situazione gli era ben presto scappata di uomo e così erano andati in fumo quasi 18.000 metri quadrati di bosco. I fatti sono accaduti lo scorso 3 agosto Godivenzola Ravale, frazione Campigno, nel Comune di Marradi. E in quella circostanza per spegnere l’incendio erano dovuti intervenire due elicotteri, uno della Regione Toscana e uno dei Vigili del Fuoco proveniente da Bologna, oltre a cinque squadre antincendi boschivi coordinate dal direttore delle operazioni dell’Unione Comuni del Mugello e a personale dei Vigili del Fuoco. I Carabinieri Forestali di Palazzolo sul Senio provvedevano ad eseguire rilievi e sopralluoghi miranti a verificare il punto di insorgenza dell’evento, individuandolo in un sito di combustione di residui vegetali, realizzato sul terreno. Subito dopo acquisivano una serie di informazioni utili dal personale intervenuto nello spegnimento dell’incendio e dal proprietario del terreno interessato che però sosteneva che il campo fosse utilizzato in via gratuita da un’altra persona.  

I Carabinieri si sono quindi recati dall’uomo che subito ha detto di non essersi accarto di nulla. Ma agli occhi dei militari sono subito balzati un ciuffo di capelli bruciati sulla fronte, gli abiti sporchi di fuliggine e numerosi graffi sulle gambe e sulle braccia: segni evidenti, secondo gli uomini dell’Arma, del fatto di essere stato a contatto con il fuoco: tra l’altro l’uomo teneva in mano una roncola utilizzata per la potatura e il taglio di arbusti. Per questo è stato denunciato all’Autorità giudiziaria per aver bruciato un cumulo di residui vegetali in periodo di grave pericolosità per gli incendi boschivi senza rispettare le norme per la prevenzione degli incendi boschivi. A suo carico gli è anche stata comminata una multa di 240 euro.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »