energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Peretola, sindaci della Piana: “Nostre osservazioni fondate, avvallo del Ministero” Cronaca

Prato – I sindaci dei Comuni della Piana fiorentina sottolineano che quanto da loro sollevato con preoccupazione circa l’impatto ambientale della realizzazione della nuova pista dell’aeroporto di Peretola, è stato riconosciuto dal Ministero dell’ambiente”. “Non ci fermiamo, concludono i sindaci, coinvolgeremo immediatamente il commissario di Sesto Fiorentino, perché segua questa delicata partita per il bene di tutti i cittadini sestesi”.

Sulla pista da 2.400 metri dell’aeroporto di Peretola “sia le osservazioni presentate dai singoli Comuni, sia quelle elaborate dal Tavolo tecnico del comitato di garanzia per l’impatto ambientale del nuovo aeroporto di Firenze sono state accolte dal ministero dell’Ambiente che le ha fatte proprie”. Lo affermano, in una nota congiunta, i sindaci e gli amministratori della Piana dopo la riunione a Prato del Tavolo di garanzia sulla nuova pista parallela dello scalo di Peretola. Il tavolo è nato lo scorso 23 marzo per controllare ogni passaggio del progetto per la costruzione del nuovo scalo di Peretola.

“Leggendo il documento elaborato dal ministero emerge – prosegue la nota – chiaramente come le preoccupazioni espresse dai sindaci fossero piu che fondate: non siamo contrari a prescindere allo sviluppo infrastrutturale della regione, ma sicuramente Toscana Aeroporti ha sottovalutato l’impatto di un’opera di questa portata. E’ significativo come le problematicita emerse siano le stesse da qualunque osservatorio siano state espresse”.

“Le osservazioni del ministero non solo ci danno ragione nel merito- precisano i sindaci – ma confermano come la strada scelta dai Comuni sia stata la piu efficace per portare all’attenzione del Governo le istanze dei cittadini: lavorare in sinergia tra amministrazioni diverse ha permesso infatti a tutti di sottolineare le criticita evidenziate, anche a quei Comuni che di diritto non avrebbero potuto presentare le proprie osservazioni. Siamo soddisfatti, quindi, dei risultati che sta ottenendo il tavolo”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »