energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pescavano pesci siluro con piccioni vivi Cronaca

Andati per pescare, sono stati pescati: erano alla Pescaia di Santa Rosa, i tre pescatori fra i 33 e i 35 anni, con regolare licenza di pesca, e all'amo attaccavano esche insolite: piccioni vivi. Un metodo che avevano visto su internet, e che è contrabbandato come il modo "giusto" per pescare i pesci siluro, quei pesci di enormi dimensioni che, giunti dall'Europa dell'Est, hanno ormai attecchito nei fondali dell'Arno, spesso infestandone le acque.

I tre pescatori sono stati denunciati per uccisione di animale: i piccioni infissi sugli ami nel momento in cui sono stati sorpresi e che sono morti inseguito al trattamento. Inoltre, i tre sono stati trovati in possesso di una scatola con carcasse di altri volatili, probabilmente anche loro trattati con la stessa ''tecnica". E' stato un passante a scorgerli e a dare l'allarme chiamando la polizia. In un primo tempo, aveva pensato che i tre pescatori stessero salvando i piccioni dall'annegamento, ma, osservando meglio, e resosi conto che si trsttava di una pesca con esche vive, ha avvisato la polizia. E ai poliziotti che hanno interrotto la pesca, i tre hanno raccontato che la tecnica era stata copiata dal web, dove l'avevano vista: era quella infatti, secondo quanto visto sul sito,  la tecnica adatta per pescare i pesci – siluro. 

Foto www.gallery.giovani.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »