energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pesci morti a causa del caldo nel Fosso di Poggio alle Viti Ambiente

Dopo la moria di pesci nel Fosso dell’Abate, nella giornata di lunedì 20 agosto anche nel Fosso di Poggio alle Viti, fra Massarosa e Viareggio, si è verificata una vera e propria strage di fauna ittica. Nella giornata di ieri, martedì 21 agosto, gli esperti di Arpat, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, la Polizia Provinciale di Lucca ed i tecnici del Laboratorio Ittitologico dell’Istituto Zooprofilatico di Pisa sono intervenuti nella zona interessata dalla moria di pesci per effettuare dei campionamenti. Stando alle prime analisi, sembrerebbe che pesci ed anguille siano morti a causa del caldo. Molte anguille in difficoltà sono state recuperate e trasferite in ambienti più idonei, mentre le carcasse dei pesci morti sono state rimosse dal corso d’acqua. La causa della morte di carpe, muggini, anguille e pesci gatto sarebbe da ricercarsi nella carenza di ossigeno nell’acqua del fosso dovuta alle elevate temperature di questi giorni ed all’elevato numero di pesci presenti nel corso d’acqua. Essendo in sovrannumero ed essendosi ridotto l’ossigeno a causa del caldo, cioè, i pesci lo avrebbero consumato fino a morire per la sua mancanza.

Foto: http://www.arpat.toscana.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »