energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Piana fiorentina: la tramvia verrà estesa a Sesto e Campi Cronaca

Firenze –  «Accolgo con soddisfazione la notizia di una svolta nel progetto di estensione del sistema tranviario nella Piana Fiorentina». Commenta così il Consigliere Regionale Paolo Bambagioni (PD) la notizia dell’intesa fra il Sindaco Nardella e il ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi che permetterà di investire 100 milioni di euro, messi a disposizione dal decreto Sblocca Italia, per ampliare i collegamenti tra Firenze e la sua città metropolitana.

«Si tratta di un’opera che riveste un’importanza cruciale – afferma Bambagioni – visto che tocca un’area molto popolata e con una grande concentrazione di imprese ma sulla quale pesano trent’anni di anni lacune nel settore delle infrastrutture. I cittadini hanno diritto a una mobilità adeguata e con la tramvia ci si avvia a mettere la Piana al passo con i tempi: ogni città europea delle dimensioni di Firenze ormai utilizza sistemi di metro o di tramvia».

«Sono stato promotore e sostenitore della necessità di prolungare il percorso della tramvia fino a Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio – prosegue Bambagioni –. L’idea è nata un paio di anni fa nell’ambito di una discussione pubblica e l’ho sempre incoraggiata, seguendo indirettamente anche il tavolo tecnico per mettere in luce le necessità di questo territorio. Finalmente i cittadini potranno contare su spostamenti più veloci ed efficaci e ridurre l’utilizzo dei mezzi privati come è successo nel caso di Scandicci, dando anche un significativo contributo in termini ecologici».

«Credo che questo sia il primo vero tassello della città metropolitana: un atto concreto che va ben oltre il tracciare i confini territoriali di un’area che di fatto esiste da venti anni ma che amministrativamente e culturalmente inizia ora a muovere i primi passi. Mi fa piacere inoltre – conclude Bambagioni -, vedere che anche le politiche di governo regionale stanno iniziando a dare risposte concrete, mostrando una rinnovata attenzione nei confronti di questo territorio grazie anche all’importante investimento di fondi, da quelli stanziati per la realizzazione di alternative alla viabilità esistente a quelli per la tramvia».

Print Friendly, PDF & Email

Translate »