energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pianeta Galileo, a Jean Petitot il Premio “Giulio Preti” 2011 Cultura

 

Il premio Giulio Preti, istituito nel 2007 in omaggio a uno dei maggiori filosofi italiani, è un riconoscimento conferito a studiosi di profilo internazionale che si sono distinti per l’apporto dato a un più fecondo dialogo tra scienza e democrazia, coniugando la propria attività di ricerca con una innovativa riflessione storica e filosofica della scienza. Allo stesso tempo, il premio vuole favorire il riconoscimento del lavoro di studiosi che hanno contribuito a promuovere, grazie a una feconda comunicativa in grado di raggiungere il grande pubblico, la connessione tra i valori guida dell’impresa scientifica e i principi ispiratori del pensiero democratico.
Jean Petitot (Parigi, 1944) matematico e filosofo, docente all’École des Hautes Etudes en Science Sociales e all’École Polytechnique di Parigi è noto alla comunità scientifica per le sue ricerche sui modelli dinamici nelle scienze cognitive e per numerose pubblicazioni in ambito logico ed epistemologico nel settore dei fondamenti della matematica. I suoi interessi di ricerca spaziano dai rapporti tra logica e geometria alla semiotica, dalla filosofia della matematica ai problemi dell’apprendimento e della categorizzazione, dai modelli computazionali della visione alla fenomenologia. Un ricercatore poliedrico noto in Italia per la sua collaborazione con Umberto Eco presso l’Università di Bologna e per il suo rapporto con numerosi epistemologi italiani appartenenti alla tradizione del razionalismo critico risalente ad Antonio Banfi, Giulio Preti, Ludovico Geymonat.
Autore di più di trecento pubblicazioni, ricordiamo il testo Morphogènese du Sense (PUF, Paris, 1985) Neurogéométrie de la vision. Modèles mathématiques et phisique des architectures fonctionelles (Les Editions de l’École Polytechnique, Distribution Ellipses, Paris, 2008), Morphogenesis of Meaning (Peter Lang, Bern, 2003), Per un nuovo illuminismo. La conoscenza scientifica come valore culturale e civile (Bompiani, 2009).
Il premio, giunto quest’anno alla quinta edizione, è stato assegnato nelle edizioni precedenti al linguista americano George Lakoff e al fisico italiano Enrico Bellone nel 2007, al fisico-matematico e filosofo canadese Ian Haking e al filosofo italiano Paolo Parrini per l’edizione 2008, al logico italiano Ettore Casari e al filosofo olandese Bas van Fraassen nel 2009, al matematico americano Francis William Lawvere per l’edizione 2010.
La cerimonia di conferimento del premio si terrà venerdì 25 novembre alle ore 11 presso la Sala Gonfalone del Consiglio regionale della Toscana, Via Cavour 4, Firenze.


 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »