energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pioli: “Davide era speciale, porteremo avanti i suoi insegnamenti” Sport

Firenze – E’ stato un monologo, con la voce appena incrinata dal pianto, con il fiatone alle prime frasi, prendendo brevissime pause,  con sempre maggiore sicurezza sicurezza tutte le volte che Stefano Pioli, in conferenza stampa – prima della partita della Fiorentina con il Benevento di domani alle 12,30 – ha ricordato Davide Astori.

“Preferisco parlare io oggi evitando le domande. Il primo pensiero – ha esordito Pioli –  chiaramente va a Davide perché ho avuto la fortuna e il privilegio di conoscerlo in questi  mesi. Era un persona e  un capitano speciale, trovava sempre il modo e il tempo giusti di dire le cose a me e ai suoi compagni, era generoso,  positivo,  disponibile e altruista. Purtroppo me lo sono goduto per troppo poco tempo e mi mancherà, mi mancherà  ogni giorno che vado al campo e ogni giorno che scenderemo in campo. Un pensiero per Anna e Renato, per Marco e Bruno che sono genitori e fratelli di Davide perché se Davide era una persona speciale è perché  anche loro sono speciali li abbraccio spero di incontrali presto, mi auguro Marco e Bruno domani. Invece  per Francesca e Vittoria (moglie  e figlia ndr) non ho trovato le parole che possano consolarle ma una promessa la posso fare: noi ci saremo sempre per loro.

I nostri tifosi hanno  a volte la lingua lunga ma hanno un cuore grandissimo e avrei voluto avere la forza di abbracciarli uno a uno sia mercoledì che giovedì per consolarli e consolarci, per trovare la forza o più orza per andare avanti.

Un ringraziamento a tutto il mondo del calcio per la partecipazione commossa, sentita e di solidarietà che è merito di Davide per quello che ha saputo trasmesso.  Anche in un mondo, che a volte viene descritto diversamente, ci sono principi e valori e toccherà a  noi seguire l’esempio di Davide e portarli vanti.

La nostra proprietà si è contraddistinta ancora una volta  per sensibilità, signorilità, disponibilità e sta facendo tutto il possibile per aiutare me e la squadra. E’ una squadra che piange, che ha pianto e che sta soffrendo perché Davide era speciale il capitano,  il loro punto di riferimento ma noi sappiamo cosa fare per onorare la sua memoria.  A me piace stimolare la squadra dicendo spesso: “Cercate di allenarvi e giocare come fosse l’ultima volta che potete farlo”. A Davide questo non c’era bisogno di dirlo. Ci ha lasciato insegnamenti troppo importanti per non essere seguiti, per non portarli avanti. La cosa più grande che ci ha lasciato in eredità  è un grande seme il seme dell’unione, serietà, serenità, passione e amore per la viola. Tocca a noi proteggere questo seme, custodirlo e fare in modo che possa germogliare.  Per un futuro migliore di tutti noi. Tutti uniti in ricordo di Davide“. 

E tutti uniti saranno i tifosi che non cessano un istante di approntare un Franchi da brividi come nel caso del  gruppo 1926 della Fiesole che su Facebook ha diramato le  istruzioni su come effettuare la coreografia in curva Fiesole: come e chi darà il via, come usare le bandierine con la raccomandazione di non scambiarle con le persone accanto, con la raccomandazione di rimanere al proprio posto nonostante il maltempo, con la raccomandazione  di non usare striscioni, fumogeni, bandiere, vessilli e ombrelli. Poi la mobilitazione di tutto lo stadio con palloncini e striscioni sugli spalti e tanti bambini in maglia viola in campo.

I viola convocati per la gara contro il Benevento:

Badelj, Benassi, Biraghi, Cerofolini, Chiesa, Cristoforo, Dabo, Dias, Dragowski, Eysseric, Falcinelli, Gaspar, Laurini, Lo Faso, Milenkovic, Olivera, Petko, Pezzella, Saponara, Simeone, Sportiello, Thereau, Veretout, Hugo, Zekhnini

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »