energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Piste ciclabile, cartelli in autostrada, guida ai servizi sanitari on line per i Mondiali Sport

E’ una terra di campioni (da Bartali a Magni a Nencini), una terra di ciclisti (oltre un milione e trecentomila utilizzano la bicicletta abitualmente) e una terra che crede nella mobilità ciclabile (circa 500 i km di piste ciclabili e percorsi cicloturistici presenti o in fase di realizzazione, altrettanti quelli in programma). Non c’è dubbio, il Mondiale di ciclismo ha trovato nella Toscana una collocazione ideale. E mentre il count down della manifestazione iridata inizia a entrare nella fase calda (la rassegna inizia il 22 settembre) si moltiplicano le occasioni per evidenziare lo speciale feeling tra la Toscana e la bicicletta. Oggi a Firenze Vincenzo Ceccarelli, in qualità di assessore regionale ai trasporti e di presidente del comitato istituzionale dei mondiali, ha illustrato ai giornalisti alcune iniziative e progetti con cui la Toscana vuol valorizzare gli spazi riservati agli amanti della bici.

Occasione dell’incontro con la stampa la presentazione di una campagna promozionale, “Terra di ciclisti”, che viene lanciata da oggi presso le 13 aree di servizio autostradale presenti nelle province interessate al mondiale. Un maxi poster richiamerà l’attenzione dei clienti e una brochure sarà a loro disposizione per spiegare la vicinanza della terra di Dante, Michelangelo e Leonardo al più ecologico dei mezzi di locomozione e per evidenziare i percorsi della manifestazione iridata.

L’opuscolo “terra di ciclisti” evidenzia il lavoro fatto e le azioni programmate, soffermandosi in particolare sul progetto più affascinante, la ciclopista dell’Arno: 270 km di tracciato per attraversare 4 province e 48 comuni e permettere di pedalare lungo l’Arno come avviene, per esempio, lungo il Danubio, il Reno o l’Elba. A questo progetto la Regione destinerà 9 milioni in tre anni. Entro fine anno è prevista l’emanazione dei primi bandi per la progettazione della parte della ciclopista che ancora non è stata progettata e per il finanziamento delle prime opere sulla parte già progettata. Una parte dei percorsi già esiste (circa 100 km ci sono già) ed entro il 2015 è prevista – patto di stabilità permettendo – la realizzazione di almeno metà della ciclopista. All’epoca la Toscana avrà completato in gran parte questa rete alternativa, ambientalmente compatibile, destinata al popolo, sempre in crescita, di chi preferisce muoversi pedalando. Tra città e paesi, tra la costa e l’interno, tra pianura e collina la Toscana presenta un volto sempre diverso, e forse anche per questo in grado di soddisfare le esigenze più diverse degli amanti della bicicletta. Anche per questo, e per i motivi più diversi, svago o lavoro, sport o turismo, la passione delle due ruote a pedali ha sempre contagiato i toscani: attualmente circa la metà dei residenti tra i 14 ed i 70 anni utilizza la bicicletta. E’ un passione trasversale alle età (gli under 40 sono 412 mila, ma anche i pensionati superano quota 200mila), preziosa per alleggerire paesi e città dal traffico delle auto (sono 250mila i toscani che vanno ai posti di lavoro o di studio in bici). Una passione in crescita, specie nei centri urbani.


Attualmente in Toscana ci sono oltre 350 km di piste ciclabili e 100 di percorsi ciclo-turistici, e altri 50 sono in fase di realizzazione: un numero destinato a raddoppiare grazie ai progetti individuati dal Priim. La grande novità è costituita dalla previsione di grandi arterie ciclabili come la ciclopista dell’Arno, la ciclopista dei ‘Due mari’ Grosseto-Siena-Arezzo con prosecuzione verso l’Adriatico, la ciclopista ‘tirrenica’, che correrà lungo la costa, e la ciclopista della Francigena, che seguirà l’antica via dei pellegrini.Sempre nell’ottica di creare una Toscana attenta a questo tipo di mobilità, a settembre sarà aggiornato il sito http://muoversintoscana.regione.toscana.it/ con l’inserimento di una sezione apposita dedicata alla mobilità dolce e la realizzazione di una app con travelplanner. Il 26 settembre, nel giorno di riposo per le gare mondiali, Firenze ospiterà un importante seminario, organizzato dalla Regione insieme ad Anci, Upi e Fiab, che affronterà a 360° il tema della mobilità sulle due ruote a pedali.

 

In occasione dei Mondiali di ciclismo, l’assessorato al diritto alla salute ha preparato una “Guida ai servizi sanitari per l’emergenza-urgenza in Toscana”, con tutte le informazioni e i numeri utili per chi si trova nella nostra regione per seguire le gare iridate, e abbia necessità di ricorrere ai servizi sanitari regionali. In particolare, la guida aiuta a orientarsi sui servizi e i riferimenti che riguardano le principali attività sanitarie della rete dell’emergenza-urgenza (il numero unico 118 e il pronto soccorso). Per chi viene da altri Paesi, la guida ricorda che i cittadini stranieri temporaneamente presenti per un periodo non superiore ai 90 giorni (es. turisti), se in possesso della Tessera sanitaria europea (Team) possono usufruire: delle prestazioni sanitarie necessarie e urgenti gratuitamente; delle altre prestazioni sanitarie, partecipando al costo, con le stesse modalità dei cittadini italiani.

La guida è on line, sul sito della Regione Toscana, nello Speciale dedicato ai Mondiali di ciclismo, e sul sito del Comitato organizzatore. Nei prossimi giorni verrà stampata in duplice lingua, italiano e inglese, in 30.000 copie, che saranno distribuite a tutti gli accreditati e diffuse negli Urp delle aziende sanitarie e ospedaliere interessate (Asl 2 Lucca, Asl 3 Pistoia, Asl 4 Prato, Asl 10 Firenze, Careggi e Meyer), nelle farmacie e negli infopoint del Comune di Firenze.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »