energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pistoia: 23 arresti per appalti truccati in Comune Notizie dalla toscana

Il Gip presso il Tribunale di Pistoia, Roberto Tredici, su richiesta della Procura della Repubblica di Pistoia ha emesso 23 ordini di custodia cautelare eseguiti dalla Polizia assieme alla Guardia di Finanza di Pistoia. Le indagini svolte dalla Digos di Pistoia e coordinate da Francesco Sottosanti, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Pistoia, sono iniziate nell'ottobre 2010 ed hanno riguardato il sistema di assegnazione dei lavori pubblici presso vari enti territoriali e non territoriali della provincia di Pistoia. Le prime indagini hanno riguardato i rapporti del responsabile ufficio lavori pubblici del Comune di Pistoia e gli imprenditori che vincevano le gare. Secondi gli investigatori si trattava di "una continua ed amicale frequentazione con modalità sicuramente esorbitanti rispetto ai normali rapporti di carattere professionale”. Spulciando gli atti pubblicati sul sul sito internet del Comune di Pistoia a partire dal 2006, a firma dello stesso dirigente, è emerso che la maggior parte dei lavori edili e stradali  erano stati sistematicamente assegnati ad un numero ristretto di ditte che coincidevano con quegli imprenditori che avevano rapporti frequenti e confidenziali con il dirigente del Comune. Contestato anche il reato di concussione per i contributi versati al Festival Blues di Pistoia del 2011. La Polizia avrebbe  accertato che le sponsorizzazioni venivano richieste e pretese dallo stesso dirigente in misura percentuale sull'ammontare dei lavori edili e stradali che egli aveva fatto ottenere agli imprenditori privati, i quali dovevano aderire a tali richieste per poter ottenere in futuro ulteriori lavori. Praticamente era stata messa su una vera e propria associazione a delinquere, da qui gli ordini di custodia cautelare.

Foto: www.piera.over-blog.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »