energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pistoia: al via la Rete provinciale dei Servizi per l’Impiego Notizie dalla toscana

Agevolare l’incontro fra domanda e offerta di lavoro, realizzato dai Centri per l’Impiego, attraverso un’ attività integrata sul territorio di prima informazione e accoglienza a chi è in cerca di occupazione.

E’ questo l’obiettivo della convenzione siglata stamattina, lunedì 29 luglio, tra la Provincia di Pistoia, i comuni di Agliana, Montale, Pescia, Chiesina Uzzanese, Sambuca Pistoiese  e Larciano e le organizzazioni sindacali, Cgil e Centro Servizi della Cisl, per la costituzione della Rete dei Servizi per l’Impiego fra l’amministrazione provinciale e gli enti accreditati per i servizi di orientamento.
Erano presenti l’assessore provinciale alle politiche del lavoro, Roberto Fabio Cappellini, la dirigente servizio politiche attive del lavoro, Anna Pesce, i rappresentanti dei Comuni e dei Sindacati sottoscrittori.

L’azione si inserisce nell’ambito di un percorso di riforma dei servizi per l’impiego, avviato a livello nazionale già dal 1997, che ha puntato nel tempo a creare un sistema misto, di integrazione fra i vari soggetti del territorio con specifiche procedure di accreditamento (di competenza nazionale, regionale e provinciale) per l’erogazione dei servizi al lavoro e attraverso apposite convenzioni.


Si tratta di una ulteriore opportunità per gli utenti in cerca di occupazione, e più in generale tutti i cittadini, per facilitare l’incontro fra domanda e offerta di lavoro effettuato dai Centri dell’Impiego: tutti coloro che vogliono conoscere le opportunità sul territorio, infatti, potranno accedere alle informazioni grazie alla Rete dei servizi offerti in convenzione.

In particolare, la Provincia ha individuato nei Comuni e nei Sindacati i soggetti che, grazie al loro radicamento sul territorio possono contribuire ad offrire un servizio di accoglienza e di prima informazione alle lavoratrici e ai lavoratori nell’ambito del lavoro e della formazione professionale.

I soggetti convenzionati, in sostanza, si presentano agli utenti come articolazioni territoriali e punti di primo contatto del Sistema provinciale per l’impiego, con il quale condividono procedure, strumenti di monitoraggio, feedback, reclami, comunicazione e pubblicità. I Centri per l’Impiego restano il punto di riferimento per l’ incontro fra domanda e offerta di lavorio e per tutti gli altri servizi specialistici in materia. 
La Provincia, da parte sua, si impegna a fornire informazione, assistenza tecnica e accompagnamento, formazione e aggiornamento per una corretta erogazione delle prestazioni, per l’ accesso ed utilizzo delle proprie banche dati, oltre a modulistica, loghi e grafica.

Un contesto di forte integrazione, quindi, reso possibile anche grazie alla riorganizzazione dei Servizi per l’Impiego, che la Provincia ha messo in campo da due anni a questa parte, con l’obiettivo non solo di una maggiore qualità e innovazione, ma favorendo anche la collaborazione con gli attori del territorio, ciascuno nel rispetto delle proprie competenze, per rispondere più efficacemente ai bisogni dell’utenza.

“L’integrazione tra soggetti pubblici e privati nell’ambito delle politiche del lavoro e della formazione è già una realtà da anni in tutta la programmazione delle politiche del lavoro e della formazione professionale – spiega l’assessore provinciale alle politiche del lavoro, Roberto Fabio Cappellini –  Basti pensare ai Progetti Integrati di Comparto prima, e poi agli Obiettivi Strategici, alle iniziative per fronteggiare la crisi e alla stipula di protocolli regionali per realizzazione di politiche attive, come il progetto Prometeo e il Patto per l’occupazione femminile.  Tutti progetti che vedono i Centri per l’Impiego come interlocutori attivi, insieme al privato, nella gestione di criticità strutturali e congiunturali. La Convenzione sottoscritta oggi rappresenta una conferma di una collaborazione piena e con la titolarità ed il mandato di assicurare il governo del sistema pubblico-privato in materia di servizi di incontro fra domanda e offerta di lavoro”

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »