energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pistoia-Lucca, raddoppia la linea ferroviaria, presentati i dettagli Società

Firenze – La linea ferroviaria tra Pistoia e Lucca verrà raddoppiata. Lo ha confermato questa mattina l’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, confermando la disponibilità delle risorse previste dal decreto Sblocca Italia messe a disposizione del governo. Niente fretta, però. I lavori sul tracciato ferroviario prenderanno il via soltanto dopo massicci adeguamenti urbanistici, che riguarderanno soprattutto i comuni di Pistoia e Montecatini, per i quali sono previsti tre anni di interventi propedeutici al raddoppio vero e proprio. Di “un primo stralcio” ha parlato infatti Orazio Iacono, direttore commerciale di RFI, annunciando l’eliminazione di 14 passaggi a livello nei due comuni toscani e di relativi messa in cantiere di opere sostitutive, oltre che di innalzamento delle banchine ferroviarie per migliorare l’accessibilità ai treni.

Gli interventi nel dettaglio – Il primo step, il cui avvio è previsto per l’agosto 2015, vede l’eliminazione di 7 passaggi a livello tra Barile e Spazzavento (con realizzazione di 2 sottopassi pedonali e una rotatoria su Via dei Vivai) e di altri 2 nel comune di Serravalle Pistoiese, entrambi situati in direzione Pistoia. Nella stessa zona verranno realizzati un sottovia carrabile e un percorso pedonale dal sottovia di Via Simoncini (intervento che comporterà la demolizione del cavalcavia adiacente la stazione). Saranno poi cancellati 2 ulteriori passaggi a livello nel Comune di Pieve a Nievole, mentre per Montecatini (dove ne saranno soppressi 3) è prevista la realizzazione del prolungamento del sottopasso della stazione centrale, l’abbattimento di barriere architettoniche e la realizzazione di un marciapiede per l’attestazione del servizio metropolitano, oltre che l’innalzamento delle banchine ferroviarie dei binai 1 e 2 (che, in sostanza, consentirà di entrare-uscire dai vagoni e non più di salire-scendere).
Prevista inoltre la deviazione del canale artificiale Nievolina e la realizzazione di casse di espansione sul torrente Stella e sul fosso Tazzera nel comune di Pistoia.
“Per adesso parliamo di interventi funzionali alla regolarità – dichiara Iacono – e non di accorciamento dei tempi di viaggio o di frequenze”.

I costi – La Regione Toscana ha confermato a RFI (che realizzerà concretamente gli interventi) la disponibilità dei 35 milioni di euro necessari all’eliminazione dei passaggi a livello esistenti nei circa 14 km tra Pistoia e Montecatini. Questo il costo dei lavori propedeutici al raddoppio del tracciato, per il quale è prevista una spesa totale di 450 milioni di euro. Di questi, 219 verranno stanziati dal governo (la condizione per l’accesso alle risorse stabilita dal decreto Sblocca Italia prevede l’avvio dei lavori entro il prossimo mese di agosto), mentre i restanti saranno elargiti dalla Regione.

I tempi – L’osso più duro. La Regione ha già firmato la conformità urbanistica. Sta adesso a RFI sviluppare il progetto partendo con le gare di appalto e le varie attività negoziali, percorso che si estenderà lungo un arco di almeno 9 mesi. La buona notizia è che l’accesso ai fondi governativi è condizione essenziale per la realizzazione dell’opera, dunque è certo che – al più tardi – entro la prossima estate le ruspe saranno messe in funzione. Tre sono gli anni necessari al completamento di questa prima fase di opere complementari e sostitutive, mentre non è ancora nota la durata dell’intervento complessivo sulla rete.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »