energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pistoia, Marco Malvaldi apre il festival “L’anno che verrà” Notizie dalla toscana

Pistoia – È affidata alla lectio magistralis di Marco Malvaldi, l’apertura del festival letterario L’anno che verrà. I libri che leggeremo, in programma a Pistoia da giovedì 24 a domenica 27 ottobre. Giunta alla terza edizione, anche quest’anno la rassegna organizzata dalla biblioteca San Giorgio ha destato molto interesse, non soltanto per gli ospiti prestigiosi, ma soprattutto per la preziosa attività di scouting proposta per gli aspiranti scrittori.

Dedicato all’anticipazione delle uscite letterarie in programma nei prossimi mesi e nel 2020, il festival punta anche a cancellare qualsiasi barriera tra gli editori maggiori e gli indipendenti, tra gli autori già affermati e gli esordienti, tra gli scrittori di genere e quelli dallo stile più complesso e ricercato, e più in generale a far convivere nello stesso spazio gli editori e gli autori con i lettori, i librai, gli insegnanti, gli studenti, i bibliotecari.

L’anno che verrà si apre, dunque, venerdì 25 ottobre, alle 21.15 nella sala Maggiore del Palazzo comunale, con la lectio magistralis “I ferri del pensiero” di Marco Malvaldi – autore del ciclo di romanzi del Bar Lume, da cui è stata tratta la nota serie tv – dedicata a capire come la lettura possa aiutare a costruirsi non tanto le soluzioni ai problemi della vita, quanto gli strumenti per affrontarla.

Sabato, alle 21, in biblioteca San Giorgio, Mauro Ermanno Giovanardi – storico frontman dei La Crus – sarà protagonista di una conversazione su musica e letteratura, seguita da un concerto acustico. Domenica, alle 11.30, sempre in San Giorgio, sarà presentato in anteprima nazionale il libro “La parte inventata” di Rodrigo Fresán (Premio Roger-Callois 2017). E ancora, domenica, alle 18, l’attore Neri Marcorè sarà protagonista di un reading dedicato alle opere di Gianni Rodari, evento di chiusura del festival.

C’è grande attesa, poi, per gli incontri di scouting di “Il futuro davanti” (a cura di The FLR – The Florentine Literary Review), che offriranno a coloro che sono stati selezionati dalla commissione, la grande possibilità di proporre ed esaminare il proprio lavoro direttamente a editori e agenti letterari.
Nello specifico, sono stati 303 i manoscritti inviati alla biblioteca San Giorgio per essere valutati dalla commissione. Le candidature sono pervenute da persone con un’età compresa tra i 20 e gli 80 anni, provenienti da tutta Italia e anche dall’estero (Olanda, Belgio, Svizzera, Germania, Romania); 170 gli elaborati redatti da uomini, 130 da donne e 3 lavori di coppia.

Degli oltre 300 testi presentati, 46 (tra i quali uno proveniente da Bruxelles e uno da Utrecht) sono stati ammessi ai colloqui individuali con le case editrici, un numero di autori maggiore rispetto al previsto considerata la grandissima quantità di candidature pervenute e l’alto numero di autori e progetti ritenuti meritevoli di un incontro professionale.

Nei due anni passati, dagli scouting curati con “TheFLR – The Florentine Literary Review” (la cui redazione è la commissione esaminatrice delle proposte) sono passati circa 400 candidati; in 4 sono arrivati alla pubblicazione del proprio romanzo. Le precedenti edizioni hanno portato fortuna, infatti, a Giorgia Tribuiani, Elena Giorgiana Mirabelli, Andrea Donaera e Ruska Jorjoliani, i cui romanzi sono stati pubblicati o in via di pubblicazione con gli editori NN e Tunué e Voland.

Le anteprime editoriali
Nella sezione “I libri che leggeremo”, ricchissima la lista degli editori che apriranno il sipario sui loro cataloghi del 2020: Arkadia Editore, Bompiani, Edizioni E/O, Einaudi editore, Exòrma Edizioni, Giangiacomo Feltrinelli Editore, Garzanti Libri, Giulio Perrone, gran vía edizioni, Hacca Edizioni, HarperCollins Italia Editore, LiberAria Editrice, minimum fax, Miraggi Edizioni, Libri Mondadori, NN Editore, Racconti edizioni, il Saggiatore, edizioni sur, Tunué, Voland.

Un focus particolare sarà dedicato alla letteratura sudamericana.
Molti gli autori presenti a parlare del loro lavoro, tra i quali: Romina Casagrande, Fabio Genovesi, Antonella Lattanzi, Marino Magliani, Giulio Mozzi, Demetrio Paolin, Andrea Pomella e Igiaba Scego.

Opportunità di formazione
Anche per questa terza edizione, L’anno che verrà offre diverse opportunità di formazione (le cui iscrizioni sono andate esaurite dopo soli tre giorni dal lancio dell’evento).
Tra giovedì 24, venerdì 25 e sabato 26 ottobre si terranno il corso di scrittura con Giorgio Vasta, “Avere una storia”, incentrato sul racconto dei sentimenti e delle relazioni (a cura di “Scuola del libro”) e il corso di lettura professionale “Leggere per gli altri”, con Chiara Beretta Mazzotta e Sara Sullam (a cura di “Di lavoro, leggo”).

Print Friendly, PDF & Email

Translate »