energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pittori a Lucca al tempo di Paolo Guinigi My Stamp

La Soprintendenza BAPSAE di Lucca e Massa Carrara organizza, in collaborazione con il Musée du Petit Palais di Avignone e il CICRP (Centro Interregionale per la Conservazione e il Restauro del Patrimonio) di Marsiglia, e grazie ai contributi della Fondazione Banca del Monte di Lucca e della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, la mostra “Pittori a Lucca al tempo di Paolo Guinigi. Battista di Gerio in San Quirico all'Olivo” dal 6 luglio 2012 al 6 gennaio 2013 al Museo Nazionale di Villa Guinigi. L’esposizione sarà allestita all’interno del percorso museale nella sezione dedicata al Gotico e al Rinascimento, offrendo al visitatore non solo l’occasione di vedere la mostra, ma anche  di visitare  il Museo di Villa Guinigi, la grandiosa residenza estiva voluta da Paolo Guinigi, signore di Lucca dal 1400 al 1430, nella zona suburbana dei borghi di Levante della città (fuori della cerchia muraria medievale): per tale motivo è previsto il libero ingresso al Museo Nazionale di Villa Guinigi e alla mostra per l’intero periodo dell’evento. La signoria di Paolo fu caratterizzata da un grande fervore artistico e culturale grazie alla volontà di creare a Lucca una corte ricca e fiorente, secondo i modelli che aveva potuto apprezzare oltralpe, durante i soggiorni all’estero, da Londra alle Fiandre.
Il suo impegno nella mediazione politica in campo internazionale, nell’incoraggiamento del commercio, delle attività finanziarie e della produzione artistica, potenzierà il ruolo che Lucca già aveva quale straordinario e raffinato coacervo culturale, dove molti artisti trovarono un fertile campo d’azione per intraprendere il personale percorso stilistico. Analogamente a quanto avvenne in campo edilizio, l’ ”apertura” di Paolo favorì un eccezionale dibattito di artisti non solo locali che, transitando in città, lasciarono qui una traccia indelebile. Il Signore si circondò di personaggi di alto spessore culturale, sostenitori di quell’umanesimo che proprio allora andava sbocciando; il fiorire degli studi umanistici fu promosso attraverso una diffusa passione per i libri e la lettura. Paolo Guinigi tenne in sostanza il passo con le tendenze artistiche in voga al di fuori dei confini del suo piccolo dominio, determinando una nuova fase di grande fioritura delle arti.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »