energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pm10, primo sforamento di stagione in una centralina a Scandicci Cronaca

Eccolo, il primo sforamento stagionale del pm10 nell'area fiorentina, il venticinquesimo superamento dei limiti dall’inizio dell’anno: è stata una centralina di Scandicci a fare scattare le limitazioni previste su riscaldamento domestico e traffico. Attenzione e allerta, dal momento che al terzo sforamento consecutivo si incorre in 4 giorni di limitazione del traffico in tutti i centri abitati. La Provincia di Firenze, che coordina gli 8 Comuni dell'agglomerato fiorentino per la qualità dell'aria (Firenze, Scandicci, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Bagno a Ripoli, Calenzano, Signa e Lastra a Signa) ricorda che in base ai meccanismi di adozione dei provvedimenti contingibili e urgenti che fu adottato dal coordinamento stesso, sono già in vigore le limitazioni previste dal primo e dal secondo modulo (che riguardano il riscaldamento domestico e le limitazioni del traffico in diverse zone delle città per alcune categorie di mezzi e veicoli). Ed ecco nel dettaglio il meccanismo deciso dai comuni dell’agglomerato fiorentino che disciplina la materia: . A partire dal 15esimo sforamento di PM10 è scattato il divieto di accesso alle Ztl fino al 31 dicembre negli orari 8.30-12.30 e 14.30-18.30 per ciclomotori a due tempi, motocicli a due tempi, autovetture a benzina euro1, autovetture a diesel euro2 ed euro3, veicoli per trasporto merci diesel euro1. Oltre a questo, dal 15esimo sforamento in avanti e fino al 31 dicembre, è partita anche la riduzione della temperatura a 18 gradi per 8 ore al giorno per gli impianti termici civili e a 17 gradi per gli industriali. Nel caso in cui, nonostante quanto già attuato, si verifichino tre giornate di sforamento consecutive si passerà al “terzo modulo” di misure: un blocco del traffico (per le stesse categorie già citate) nell'intero centro abitato per quattro giorni, prorogabile per uno stesso periodo di tempo se il livello di polveri non diminuirà. Nel caso in cui i giorni di sforamento di polveri dovessero arrivare a 35 (limite massimo, dopo il quale scatterà la procedura d'infrazione comunitaria) ad ogni singolo superamento sarà attuato un blocco del traffico nel centro abitato (alle stesse condizioni) per quattro giorni.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »