energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pmi, nuovi fondi per le imprese della Toscana Breaking news, Economia

Firenze – Nuovi fondi per l’impresa toscana. Da Italia Confidi e Confesercenti 50 milioni con garanzia all’80% e la Regione conferma i 60 milioni sul fondo di garanzia.

“Fiducia nelle imprese e nel sistema Toscana significa dotare quelle stesse imprese – spiega Nico Gronchi, presidente Confesercenti Toscana e di Italia Comfidi – cuore pulsante della nostra comunità, del carburante necessario per rispondere a sfide sempre più complesse. E’ in questo senso che, come Confesercenti Toscana e Italia Comfidi, abbiamo deciso di creare un plafond specifico per le imprese toscane per un totale di 50 milioni con garanzia maggiorata al 80%. Questo plafond andrà ad affiancare il fondo regionale garanzia Toscana per dare maggiore forza e risalto ad una strategia sul credito della nostra regione che punti a sostenere le imprese ed i loro investimenti”.

Confesercenti e Italia Confindi metteranno a disposizione un plafond per le imprese toscana di 50 milioni di euro con garanzia che arriverà all’80% del finanziamento.

 “In questa nostra decisione – ha continuato Gronchi,  ha anche pesato una riflessione legata ai venti di crisi, di recessione che stanno iniziando con sempre maggior insistenza a soffiare nel continente Europeo e che rischiano nei prossimi mesi di investirci. Con questa scelta, chiara ed in controtendenza, la Toscana investe sul futuro, puntando a prevenire la recessione con importanti strumenti”.

A questo sarà aggiunto un attento monitoraggio sul credito regionale da parte dell’Ufficio Studi di Italia Comfidi e Confesercenti che ogni mese produrrà una fotografia.

“Confesercenti e Italia Confidi hanno deciso di mettere a disposizione per primi, ha concluso Gronchi – un plafond di questa dimensione per sostenere le imprese toscane, credere nella qualità economica e sociale della nostra regione e scommettere da interlocutori seri affidabili e molto concreti sulla tenuta ed il rafforzamento del  sistema Toscana”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »