energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Polizia municipale, report 2015: incidenti, è via Baracca la più “pericolosa” Cronaca

Firenze – La polizia municipale di Firenze tira le fila e fornisce la mappa degli incidenti cittadini. A tratteggiare lo stato dell’arte delle strade fiorentine, ieri, l’assessore alla polizia municpale Federico Gianassi e il comandante dei vigili urbani Marco Seniga.

I luoghi dove si registrano il maggior numero di incidenti stradali sono il Quartiere 1, per quanto riguarda la “ricaduta” sui viali di circonvallazione, 1032 eventi, seguito dal Quartiere 5 cn 959. Seguono il Quartiere 2, con 631 incidenti, e a distanza il Quartiere 4, 435 eventi e il Quartiere 3, che si colloca ultimo in questa classifica del 2015 con 219 incidenti.

Per quanto riguarda le strade, ecco l’elenco di quelle con maggior tasso di “incidentalità”: in testa via Baracca (84 incidenti), via Pistoiese (64), viale Guidoni (56). A seguire via Senese, viale Redi, via di Novoli, viale Strozzi, via Baccio da Montelupo, viale Belfiore e viale Rosselli. Il giorno nero sulle strade risulta il venerdì, la fascia oraria quella 12-18, mentre i veicoli maggiormente coinvolti sono di gran lunga le auto (3.057) seguite dai motocicli (1.331). 574 le auto in sosta e 436 i ciclomotori.

Altro punto emerso dalla relazione, è l’abbassarsi del numero degli incidenti generale: nel 2015 sono stati registrati 3.297 incidenti di cui 22 mortali. Circa questi ultimi, sette sono avvenuti a bordo di motocicli, due in auto, tre con biciclette, mentre i pedoni coinvolti in sinistri mortali sono stati 10.

Il trend degli incidenti è in diminuzione sia rispetto al 2014, con oltre 300 sinistri in meno, sia rispetto a 15 anni fa dove erano oltre 5.600. A seguito di incidenti stradali la Polizia Municipale ha trasmesso all’autorità giudiziaria 22 notizie di reato per omicidio colposo e 36 per lesioni personali colpose. 535 le annotazioni di polizia giudiziaria e 152 le querele pervenute. Da annotare il fatto che, pur diminuendo il numero complessivo, nel 2015 è cresciuto il numero di decessi a seguito di sinistri stradali, quattro in più rispetto al 2014.

Per quanto riguarda le violazioni del codice della strada, le principali riguardano il transito in corsia preferenziale (155.924 infrazioni), il transito non autorizzato in ztl (182.858), il transito in area pedonale (11.760), i limiti di velocità (146.917), il mancato stop al semaforo rosso (14.521).

Anche la sosta dà il suo contributo: le infrazioni complessive sono state 130.585, le principali riguardano la sosta sul marciapiede (8.592), la sosta su attraversamento pedonale (4.437) e quella su spazi invalidi (2.099).
Le infrazioni relative ai transiti non consentiti sono state 351.780 tra cui spiccano quelle in ztl (182.858), in corsia preferenziale (155.924) e in area pedonale (11.760).

Passando alle infrazioni dinamiche classiche, il superamento dei limiti di velocità risulta ancora saldamente in testa alla poco invidiabile classifica. Le violazioni dell’articolo 142 del codice della strada sono state 146.917 (autovelox e telelaser). Tra le altre infrazioni da segnalare il mancato stop al semaforo rosso (14.521 sanzioni), l’uso di apparecchi alla guida (1.554), la mancata revisione (5.225), la mancanza di copertura assicurativa (2.087), la mancanza di documenti (1.185) il mancato uso delle cinture (485) e del casco (31). Sono invece stati 131 i verbali per omissione di soccorso.
In molte occasioni al rilievo delle sanzioni si accompagna anche alla decurtazione dei punti patente. Nel 2015 la Polizia Municipale ha rilevato 101.749 infrazioni per un totale di 352.257 punti decurtati. La violazione più frequente è stata quella di superamento dei limiti di velocità: 79.744 infrazioni pari a 241.854 punti. A seguire la violazione della segnaletica, come il semaforo (13.796 infrazioni per 82.272 punti), la sosta in spazi invalidi o per mezzi pubblici (4.125 infrazioni per 8.317 punti) e l’uso di apparecchi alla guida (1.154 infrazioni per 7.835 punti).

Nel 2015 si è consolidato anche l’utilizzo della strumentazione Scout e Speed. Sono stati 259 i servizi effettuati e complessivamente i verbali emessi sono stati 8.720 (di cui 6.912 con lo Scout): di questi 280 per omessa revisione e 83 per mancanza di assicurazione. Tre i veicoli inseriti in black list ritrovati e 352 i verbali notificati a mezzi nella stessa lista (in genere veicoli con targa straniera e a cui carico pendono numerosi verbali non notificati).

Infine il capitolo della rimozione e il blocco dei veicoli. Gli interventi con i carro attrezzi sono stati 10.131; i mezzi rimossi e portati in depositeria sono stati 8.251 di cui per intralcio 7.947 (in gran parte auto) e per altra causa (incidente, sequestro etc) 304. I veicoli bloccati con i bloccaruote sono stati 1.882.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »