energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Polizie provinciali, no al “travaso” in quelle municipali Cronaca

Firenze – Il no viene dalla sede nazionale della Cgil, e riguarda il ventilato passaggio, sic et simpliciter, delle polizie provinciali nei corpi municipali. Un errore, dice il sindacato, dal momento che il ruolo dei circa 2800 agenti provinciali è stato oggetto di uno specifico e particolare addestramento, la cui professionalità è stata orientata in modo particolare verso la tutela ambientale e il controllo del territorio, “dalle discariche alla tutela degli animali selvatici”, si legge nella nota. In queste ore ancora di caos su come il Consiglio dei Ministri intende utilizzare gli agenti delle Polizie provinciali, il sindacato pianta una bandiera per delimitare con precisione una presa di posizione: “Al di là di ogni considerazione sull’utilità di qualche Comune di avere qualche Vigile Urbano in più nel proprio organico, noi pensiamo che i circa 2800 appartenenti alle Polizie Provinciali possono e devono trovare la loro ricollocazione in un rapporto corretto con la professionalità che hanno acquisito, piuttosto che soddisfare l’ego di qualche (ex) comandante di Polizia Municipale”.

D’altro canto, la soluzione della intricata matassa dovrebbe arrivare, dice la nota, dalla politica, che anzi dovrebbe mettere (fra le altre) la questione di come utilizzare le particolari capacità di polizia ambientale degli agenti provinciali fra le priorità. ” Il riordino delle funzioni di polizia di tutela ambientale dovrà ispirare la soluzione più logica ed utile in termini di efficacia e di efficienza”, dice il sindacato, che sollecita anche al più presto un incontro sul tema con i rappresentanti del governo e i responsabili del settore delle Regioni.  

Print Friendly, PDF & Email

Translate »