energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pontedera, la vertenza Iscot-Sole si fa drammatica Cronaca

Pontedera – Ancora una storia di lavoro  e di protesta, quella che proviene da Pontedera, dove stamattina 7 lavoratori di una ditta di pulizie, la Iscot appunto, da giorni in sciopero, si troveranno di fatto licenziati.

Una vicenda complessa, quella di cui sono protagonisti loro malgrado questi sette lavoratori,  da giorni in sciopero e presidio ad oltranza fuori dai cancelli della fabbrica Sole (ex Metalplastic) di Pontedera.

I sette operatori erano impiegati per le pulizie generali dello stabilimento ma anche e soprattutto degli impianti industriali.
Erano stati assunti tramite agenzia interinale (con ulteriore subappalto) e lavoravano con turni anche di 18/20 ore al giorno a fronte di un contratto che ne prevedeva 8 alla settimana. I lavoratori, sostenuti dall’Usb, hanno sempre denunciato “minacce continue di licenziamento e condizioni di lavoro al limite dello schiavismo”.

La situazione è andata avanti 7 mesi. Poi, gli operatori Iscot hanno deciso che il livello di sopportazione era stato superato, e hanno intrapreso una dura vertenza: da sottolineare che il loro status era ancora di “interinale”, quindi senza nessuna tutela. Così, hanno cominciato lo sciopero, presidiando i cancelli della fabbrica.  La battaglia è durata tre giorni, fino a quando la società Iscot ha accettato di incontrare una delegazione di lavoratori insieme alle loro rappresentanze sindacali. Durante l’incontro i dirigenti della società hanno ammesso le loro responsabilità e, dopo 4 ore di trattativa, hanno proposto un accordo che prevedeva:
1) L’assunzione diretta di tutti i lavoratori con contratto a tempo determinato fino alla scadenza dell’appalto e successivamente l’apertura di un tavolo sindacale, in caso di rinnovo dell’appalto, per l’eventuale trasformazione dei contratti a tempo indeterminato (senza però nessuna garanzia in questo senso).
2) La riorganizzazione totale dei turni di lavoro e i buoni pasto per tutti
3) Il cambio immediato della responsabile della Iscot presso lo stabilimento Sole.

Sebbene i sindacati ritenessero l’accordo un importante passo avanti, tuttavia i lavoratori, in pena autonomia, hanno deciso di rigettarlo. Obiettivo: proseguire nella lotta per l’assunzione a tempo indeterminato da subito.
Di fronte a questo rifiuto la dirigenza Sole ha deciso di disdettare l’appalto con la Iscot. Da oggi i 7 operai saranno di fatto licenziati.

USB proclama uno sciopero provinciale per tutta la giornata di oggi in appoggio alla battaglia dei sette lavoratori, con presidio alle 5,30 di fronte allo stabilimento Sole di Pontedera. La richiesta: un incontro urgente alla dirigenza Sole per ottenere la garanzia del posto di lavoro per i 7 lavoratori.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »