energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Prandelli elogia gli Azzurri, “Ma la Spagna resta favorita” Sport

Non nasconde la propria soddisfazione Cesare Prandelli. Sa di entrare di diritto nella storia dei grandi successi dell'Italia, ma il di tecnico di Orzinuovi è altrettanto consapevole che il difficile deve ancora arrivare. Il pensiero del Ct va subito alla finale del 1 luglio. A Kiev gli Azzurri troveranno la quotatissima Spagna, campione in carica d'Europa e del mondo.
Il tempo per recuperare è poco, ma energie fisiche a parte c'è ma la consapevolezza di poter affrontare gli iberici senza timore.
"Loro restano i favoriti, ma noi siamo cresciuti molto, possiamo giocarcela alla pari".

Prandelli non ha risparmiato i complimenti alla squadra per la grande prova contro la Germania.
"La mia partita più bella, sono orgoglioso di allenare questi ragazzi". "Ci siamo preparati molto bene dal punto di vista tattico, e l'interpretazione dei giocatori è stata straordinaria. Per tre quarti di gara abbiamo giocato alla grande".

Il sogno, afferma il Ct, continua. Il difficile però arriva ora, ma l'Italia è pronta per giocarsela alla pari.
"La Spagna resta la favorita, non sarà facile trovare dei punti deboli. Hanno qualità uniche, sono un esempio per tutti". "Noi però ci siamo. Dobbiamo continuare a proporre la nostra idea di calcio senza la paura di confrontarci con loro. Servono idee, qualità e la forza di essere propositivi".

Il tecnico della Nazionale non esita a parlare anche dei singoli e dello sfogo di Buffon a fine partita.
Sul tandem d'attacco Cassano-Balotelli. "Hanno fatto una gara perfetta, la migliore in azzurro. Antonio ha dato intensità e colpi da grande giocatore. Mario ha fatto esattamente quello che gli ho chiusto, più i gol. E' stato sostituito perchè avevo paura si fosse stirato".
Sull'arrabbiatura di Buffon dopo il fischio finale. "E' un campione del mondo, sa che queste partite lvanno chiuse prima. Abbiamo avuto almeno tre occasioni per il colpo del ko, e se avessero pareggiato nei supplementari avremmo perso 5-2, eravamo sfiniti".

Prandelli in fine rivolge un particolare saluto al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel giorno del suo 87esimo compleanno.
"A nome di tutti noi vorrei fare gli auguri al nostro Presidente Napolitano, che anche ieri sera ci e' stato molto vicino. Praticamente ci ha adottato, e di questo ne siamo molto orgogliosi".

Foto: Sky Sport
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »