energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Prato, i nonni scendono in strada Breaking news, Comics

Prato -Gii anziani di “Nonno sitting” scenderanno in strada  perchè la stanza che dovrebbe accoglierli presso il Centro civico Guazzalotri dal 16 giugno (come  hanno fatto sapere dal “Laboratorio del Tempo”,un servizio del Comune di Prato) non sarà pronta prima del  20 di questo mese, mentre la struttura che ora li sta accogliendo li vedrà “fuori” dal 15.

Un vero e proproo schiaffo in pieno viso a “Nonno sitting” da parte dell’assessorato al sociale che mostra ,nonostante gli appelli via social ad un ripensamento del Comune, una certa impermeabilità verso le esigenze degli anziani che occupano dal 2016 i locali del Centro Michele Ventrone di Prato.  Abbiamo parlato con la moglie di Antonio: “Mio marito ha 71 anni e ha diverse patologie. Ha frequentato diversi diurni ma qui ha ritrovato il sorriso e la gioia di vivere perchè stimolato a fare cose. Perchè il Comune vuole trasferire “Nonno Sitting” in una stanza  lontana da qui? Come faremo?”.

La compagna di Piero, un signore di 81 anni affetto da demenza senile dice:” Qui lui è felice. Lo accompagno io a piedi al Centro da gennaio perchè abitiamo a poche centinaia di metri e chiedo al Sindaco come faró se Nonno Sitting si trasferisce ad Iolo. Non si capisce il perchè di tutto questo”.

Interviene la psicologa Luciana Bigagli ideatrice di “Nonno Sitting” dicendo che la risposta data dall’assessorato al Sociale circa la richiesta della Pubblica Istruzione dei locali per i centri estivi, in realtà non escluderebbe la convivenza con gli anziani. Perchè da sempre al Ventrone giovani e vecchi hanno solidarizzato e collaborato. E puntualizza, “il sociale deve scegliere il bisogno e perchè mai la Pubblica Istruzione dovrebbe avere una priorità su questi spazi,chi lo ha deciso e perchè?Vorrei ricordare a quelli dell’assessorato al Sociale che il Centro Ventrone nasce in primis come centro di socialità per gli anziani”.

E ha poi aggiunto ” Il progetto Nonno Sitting , è  la promozione di una socializzazione degli anziani, un vero aiuto low cost alle famiglie tanto che fui invitata  da TV2000 a parlarne in diretta nella trasmissione NoiTv affinchè questo progetto fosse accolto in molte altre cittá italiane perchè unico nel suo genere”. Solidarizzano con la presidente del Sicomoro onlus ideatrice di “Nonno Sitting”Luciana Bigagli, l’educatrice Daniela, i volontari, e gli abitanti del quartiere. Mentre gli anziani di “Nonno Sitting” hanno deciso di rivolgersi  direttamente al Sindaco di Prato Biffoni con un video di protesta e un cartellone in bella mostra ,”Sindaco Aiutaci”.  Rincara la dose Antonietta “sono calabrese ma non mafiosa vengo qui da tre anni e sono felice”. Mentre Giuseppina aggiunge: “Mo marito è un sindacalista che ha fatto molte battaglie,perchè dobbiamo andarcene da qui? Io, noi vogliamo stare qui con Gigi( il volontario) che ci piace tanto e ci vuole bene”. E alla domanda di come si chiami suo marito sindacalista,Giuseppina sorride e dice ad alta voce nome e cognome. Il cuore si stringe: lei non ricorda più che suo marito è morto già da diversi anni. Ma questa è un’altra storia.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »