energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Prato, letti cure intermedie, Mugnai (FI) attacca: “Non pervenuti” Dibattito politico

Firenze – “Il modello per intensità di cure su cui è stato strutturato il nuovo ospedale di Prato Santo Stefano per funzionare ha bisogno di strutture per le cure intermedie dove si assicuri ai pazienti in dimissione precoce la necessaria continuità assistenziale. La Regione lo sa bene, e infatti a Prato ha promesso 82 letti dedicati alle cure intermedie. Lo ha fatto nel 2013, ribadito nel 2014, promesso durante la campagna per le elezioni regionali 2015… ebbene: i letti sono 12. Gli stessi 12 inaugurati nel 2013 e che durante lo scorso anno hanno ospitato in rotazione forzatamente frenetica 257 pazienti.

«Ma insomma, cosa aspetta la giunta a mantenere le promesse fatte anche in sedi istituzionali come il consiglio comunale di Prato e attivare i posti letto per le cure intermedie senza i quali si inceppa il modello sanitario per intensità di cure scelto da Rossi?» Se lo domanda il Vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale Stefano Mugnai (capogruppo di Forza Italia) che traduce il quesito nella veste formale di un’interrogazione a risposta scritta che una volta per tutte fissi nero su bianco le intenzioni della Regione. La quale, per altro, appare in possesso di dati differenti da quelli sperimentati da operatori e pazienti: «Il 17 febbraio 2014 – ricorda Mugnai nella sua interrogazione – durante la seduta di Consiglio comunale straordinario di Prato sui temi della sanità l’allora assessore regionale al diritto alla salute Luigi Marroni ebbe a dichiarare: “Sono disposto a mettere per iscritto un nuovo patto sanitario per Prato ed entro la fine dell’anno apriremo 46 nuovi posti letto per le cure territoriali oltre ai 36 già esistenti”». Peccato che, si legge ancora nell’atto, «ad oggi i posti letto per le cure intermedie risulterebbero essere ancora solo i 12 inaugurati nel 2013», secondo una carenza «ammessa dallo stesso presidente Enrico Rossi in occasione della sua visita a Prato del 23 maggio scorso durante la quale, come testimoniato dalle evidenze di stampa, prometteva di sopperire con nuovi posti letto non appena fosse stato rieletto alla presidenza della Regione».

Dinanzi a una simile situazione, Mugnai i quesiti stringono la giunta: «Quanti sono di fatto i posti letto per cure intermedie attivi e funzionanti nella Asl 4 di Prato?», si chiede. E poi: «Quanti sono i posti letto per cure intermedie previsti dalla Regione nell’area sanitaria della Asl 4 di Prato e in che tempi si reputi di poterli attivare, stanti le promesse finora avanzate dai massimi esponenti della giunta regionale”?

Print Friendly, PDF & Email

Translate »