energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Prato, Orfeo guida la stagione della Camerata Strumentale Spettacoli

Prato – Nei giardini di Palazzo Banci  Buonamici si è tenuta la presentazione della stagione concertistica 2019-2020 della Camerata Strumentale Città di Prato. Un programma che si ispira in tutti gli incontri con il pubblico all’opera di C.W.Gluck, Orfeo ed Euridice ovvero il mito eterno di Orfeo che con il solo suono della sua lira trasse dagli Inferi l’amata Euridice.

Padrone di casa il presidente della Camerata Guido Moradei che ha parlato della camera acustica, progettata da Suono Vivo, un vero e proprio strumento musicale, una scatola sonora che serve a dare dignità al lavoro dei musicisti e all’ ascolto del pubblico.

Alla sua realizzazione sono collegati il crowd-founding “Io sostengo #casadeisuoni” ma anche donazioni come quella del direttore musicale Jonathan Webb e dello  storico club service cittadino il Lions Host. Ad oggi la cifra raccolta ha dimostrato  non solo l’amore dei cittadini verso questa istituzione ma anche la volontà di proseguire in un cammino di continua crescita.

E sull’attaccamento alla Camerata ha parlato il Sindaco Matteo Biffoni sottolineando l’affollata partecipazione dei cittadini il 4 settembre in piazza del Duomo, il tradizionale appuntamento con la musica classica in occasione del “Settembre Prato è Spettacolo”.

Mentre la rappresentante della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato Diana Toccafondi ha precisato che l’ente investe in questa realtà musicale pratese perchè contraddistinta da una vitalità che si manifesta in tutte le edizioni ma che quest’anno con il sottotitolo “La forza della musica” dimostra ancora una volta la sua pulsione profonda che scava nel tessuto cittadino rinnovato.

Sulla storia della camerata pratese e dei suoi progressi e successi testimoniati dall’Orchestra di ragazzi «Prato Sinfonietta», fondata dalla Camerata strumentale con la Scuola Verdi, le Scuole medie ad indirizzo musicale e il Liceo musicale, che conta oggi circa settanta giovani musicisti, il Coro di voci bianche della Scuola Verdi, e il grande Coro «Città di Prato», fondato tre anni fa dalla Camerata strumentale, ha invece parlato l’assessore alla cultura Simone Mangani.

A chiusura il maestro Alberto Batisti direttore artistico della Camerata Strumentale Città di Prato che visibilmente commosso per la calorosa  accoglienza ha descritto la prossima stagione concertistica intitolata « che puro ciel,che chiaro sol” dove l’elemento dominante sarà la luce. Perchè la luce illumina il percorso e la vita di ciascuno di noi costringendoci ad uscire dalle tenebre che ci attagliano. E come Orfeo che sconfisse i demoni con il suono della sua cetra riportando alla vita la sua amata Euridice in un crescendo di  note in cui s’ode la natura,cosí noi con lui ci apprestiamo ad ascoltarne le vibranti musiche.

Infine il maestro con una punta d’orgoglio ha detto  che da quest’anno i concerti della Camerata di Prato saranno visibili per la prima volta anche su Rai Cinque.

Per informazioni 0574 1838800
info@cameratastrumentale.org

 

In foto da sinistra Mangani, Batisti, Moradei e Toccafondi 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »