energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Premio per l’Architettura contemporanea, via libera in consiglio regionale Breaking news, Cultura

Firenze –  Passa in consiglio regionale, con 26 sì a fronte di 4 no, l’istituzione di un premio biennale di architettura contemporanea per valorizzare le migliori esperienze realizzate nel territorio della Toscana.

Cuore e anima dell’iniziativa, che presentò con mozione del 6 aprile scorso, la consigliera regionale del Pd Elisabetta Meucci, già ex-assessore all’urbanistica del Comune di Firenze, che oggi ha illustrato in consiglio la proposta, presentata dall’Ufficio di Presidenza.

“L’architettura rappresenta un elemento determinante della trasformazione del territorio e del paesaggio in quanto è fondamentale per la qualità ambientale sia degli spazi pubblici che di quelli privati, per questo credo che istituire un Premio biennale di Architettura Contemporanea di livello regionale per valorizzare le migliori esperienze realizzate nel territorio della Toscana sia importante principalmente per tre motivi – spiega la consigliera – in primo luogo, ribadisco l’importanza dell’architettura  come elemento determinante della trasformazione del territorio, ma anche, in secondo luogo, per sostenere buone pratiche di innovazione ambientale e civile. Infine, ultimo ma non meno importante, per incentivare il percorso di crescita di tanti giovani professionisti toscani.  Questo premio vedrà l’apporto finanziario e organizzativo degli altri soggetti promotori e della Regione Toscana che sarà di 55 mila euro per il biennio 2016/2017”.

Nel testo si prevede la costituzione di un comitato organizzatore, attraverso la sottoscrizione di apposito protocollo d’intesa fra l’Ufficio di presidenza del Consiglio, gli ordini degli architetti e altri soggetti rappresentativi delle professioni interessate.

elisabetta meucci

«La Regione Toscana ha tra le finalità principali indicate nel proprio Statuto, la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico, nonché la promozione dello sviluppo economico e di un contesto favorevole alla competitività delle imprese, basato sull’innovazione, la ricerca e la formazione, nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale– spiega Meucci –  e quale modo migliore per stimolare una riflessione sull’architettura, per  sostenere buone pratiche di innovazione ambientale e civile se non quello di istituire un premio che sia da stimolo, valorizzando gli attori principali, dal progettista al committente fino all’impresa. Ad oggi infatti non esisteva un Premio di architettura di livello regionale, anche se una positiva esperienza sul territorio è sicuramente stata quella del Premio Architettura Territorio Fiorentino, organizzato negli scorsi anni dalla Provincia di Firenze assieme all’Ordine provinciale degli architetti di Firenze, Ance Firenze e Fondazione Architetti Firenze”.

“Scendendo nel dettaglio – continua Meucci –   il Premio verrà rivolto alle architetture realizzate nel territorio della regione Toscana dividendole per categorie, tra le quali, ad esempio, nuove costruzioni, restauri, allestimento e interni, architettura del paesaggio ed infine direi anche un Premio opera prima, troppo spesso ci dimentichiamo che ci sono dei brillanti e promettenti giovani architetti sul nostro territorio e quest’ultima categoria è un tassello importante per  incentivare il lavoro dei giovani professionisti sotto i 40 anni. Questa legge comunque rimanda nella sua organizzazione a un protocollo d’intesa da instaurare tra tutti soggetti promotori”.

Infine, un augurio, “che si possa iniziare l’organizzazione da subito per poter passare, nei primi mesi del 2017, all’individuazione dell’opera da premiare”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »