energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La nuova stagione del Teatro Everest al Galluzzo Spettacoli

Si è tenuta lo scorso 27 ottobre presso il Caffè Letterario Le Murate la conferenza stampa di apertura della stagione 2011/2012 del Teatro Everest, sito nella frazione Galluzzo di Firenze. Una realtà artistica che da anni segue un progetto di grande attenzione e sensibilità verso un teatro che sia esperienza culturale ed educativa insieme. Il nome “Traiettorie”, con cui viene chiamata la programmazione che partirà il 5 novembre, vuole proprio evidenziare le «diverse direzioni verso le quali volge l’offerta culturale del teatro, direzioni diverse con intenti comuni: arrivare al cuore del pubblico con un teatro di impegno, di pensiero, di approfondimento umano e culturale». Laura Croce, direttrice artistica del Teatro coadiuvata da un gruppo di lavoro consistente, ha segnalato le molteplici funzioni assolte dal progetto che sta dietro la stagione dell’Everest: «teatro d’ospitalità, di produzione e di formazione».

Riguardo al primo punto le compagnie ospitate registrano grandi nomi quali Roberto Latini (vincitore del Premio della Critica 2011) con “Noosfera Lucignolo” ispirato al co-protagonista di “Pinocchio”, Massimiliano Civica (ex direttore del Teatro della Tosse di Genova) con lo spettacolo “Attraverso il furore” tratto dai “Sermoni Tedeschi” del domenicano Meister Eckhart, Dimitri Frosali (attore storico della Compagnia Arca Azzurra) con il monologo “Madoff” dedicato al mondo della finanza ed alle sue pecche; accanto ad essi due giovani interpreti affermati quali Oscar De Summa con “Amleto a pranzo e a cena”, riscrittura ironica e profonda del testo shakespeariano, e Stefano Cenci con “Ofelia 4 e 48”, che mette a confronto in un gioco di scambi Ofelia dell’“Amleto” e la drammaturga britannica Sarah Kane. Inoltre, secondo la politica di “dare spazio alle giovani compagnie” che caratterizza da sempre l’attività dell’Everest, verranno ospitate anche la Compagnia Teatro Bō con lo spettacolo “Sogno di una notte di mezzo Estethè”, studio sull’inconscio attraverso la figure dei quattro amanti del testo shakespeariano, Lemuri Teatro e Associazione Culturale Zoe con “Salomè Suite”, suggestioni sulla possibile continuazione della storia dell’eroina in un “altrove”, e Astorritintinelli con “Titanic”, spettacolo vincitore del Premio In Box 2011 sostenuto dalla Regione Toscana.

Produzioni interne sono quelle ad opera delle tre compagnie residenti all’Everest: Murmuris Teatro (diretta da Laura Croce) con le due prime nazionali “Studio sullo stile di Bach”, dedicato all’incontro dei testi di Pasolini con la musica di Bach, e “Babel”, commistione drammaturgica di più autori; Teatro a Manovella (diretta da Massimo Alì) con tre spettacoli in programma quali “Larvale”, testo dell’autrice contemporanea Lorenza Ghinelli, “Addiction”, sull’universo delle dipendenze, e “Io sto Bene, affettuosamente Etty”, per la Giornata della Memoria; Il Paracadute di Icaro, maggiormente dedicata ai progetti educativi per l’infanzia con il cartellone “Domeniche da favola”, frutto della collaborazione con vari enti confluiti nella Rete Arti (Comune di Firenze, Conservatorio Statale di Musica L. Cherubini, Museo Marino Marini, Università degli Studi di Firenze e il Teatro Everest).

Un settore molto sentito dal “Teatro di Galluzzo” è quello didattico, per questo motivo oltre al corso permanente di formazione attoriale della Scuola stabile dedicato ad adulti (a cura del Teatro a Manovella) ed a bambini (a cura de Il Paracadute di Icaro), vengono proposte altre iniziative, tra cui i seminari con Massimiliano Civica e Stefano Cenci (per la Recitazione), con Marcella Monni del Teatro delle Albe (Organizzazione Teatrale) e con Monica Benvenuti (Tecniche Vocali e Canto). Altri eventi promossi per quest’anno sono quelli musicali, tra cui vale la pena menzionare la collaborazione con il Gamo (Gruppo Aperto Musica Oggi, istituzione storica della musica contemporanea a Firenze) che proporrà un concerto di fisarmonica e percussioni, il progetto di teatro vernacolare “Insolite Evasioni” a cura della fiorentina Compagnia del Giglio ed il fine settimana dedicato al Teatro Iraniano con lo spettacolo “Il giorno prima” della Compagnia Termeh e l’incontro con la comunità iraniana di Firenze.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »