energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Presentata la Traccia per il Convegno ecclesiale di Firenze ” In Gesù Cristo Il nuovo umanesimo” 9-13 novembre 2015‏ Società

Firenze – “Il coinvolgimento e l’impegno che hanno accompagnato la ricezione dell’Invito a Firenze 2015 sono motivo di grande gioia. Moltissime sono state infatti le risposte – narrazioni, testimonianze, suggerimenti, raccomandazioni –  arrivate al Comitato preparatorio da tutte le componenti della Chiesa italiana. Segnali concreti che lasciano sperare che il cammino verso il Convegno possa essere davvero sinodale, un convenire insieme com’è proprio dello stile di Chiesa… Queste generose risposte all’invito, già da sole e al di là di ogni analisi, ci dicono molte cose: ci parlano di un bisogno di discernimento comunitario di fronte alle sfide del mondo contemporaneo, ma suggeriscono anche la voglia di camminare insieme, di assaporare il gusto dell’essere Chiesa, qui e oggi, in Italia.” Le parole di Monsignor Cesare Nosiglia Arcivescovo di Torino, vicepresidente CEI  e presidente del Comitato Preparatorio introducono la Traccia per il cammino di riflessione verso  il 5° Convegno Ecclesiale che Firenze ospiterà dal 9 al 1 3 novembre del 2015 e che è stata presentata nei giorni scorsi a Roma in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche Monsignor Domenico Pompili sottosegretario Cei, Padre Bernardo Gianni monaco dell’Abbazia di San Miniato e l’antropologa dei media Chiara Giaccardi, membri del comitato preparatorio.

“In Gesù Cristo Il nuovo umanesimo” è il tema per questo importante appuntamento della  chiesa italiana che vedrà a Firenze la partecipazione di 2.300 delegati in rappresentanza di tutte le componenti della comunità cristiana e per la cui apertura è stata richiesta la presenza di Papa Francesco.  Non si tratta di un documento né di una lettera pastorale, la Traccia vuole essere un testo aperto con l’obiettivo di stimolare il coinvolgimento verso il Convegno ed è destinata a tutti gli operatori pastorali, dai sacerdoti, ai formatori e responsabili di movimenti, Facoltà teologiche, Istituti di Scienze Religiose,  ai delegati del Convegno, a tutti coloro che svolgono un compito educativo e formativo nei diversi ambiti della pastorale. “Obiettivo di questa traccia – dice Monsignor Nosiglia – è dunque continuare un dialogo e un cammino, stimolando la consapevolezza ecclesiale, e cercare insieme vie nuove per affrontare le sfide coltivando la pienezza della nostra umanità, più che formulare teorie umanistiche astratte o offrire programmi e schemi pastorali costituiti”.

Il volume in arrivo nelle librerie cattoliche è già  scaricabile gratuitamente  in versione digitale dal sito di www.avvenire.it e www.chiesacattolica.it. ed è corredato da immagini fotografiche in bianco e nero di Mariangela Montanari oblata benedettina secolare della Comunità di San Miniato che ha accolto l’invito di padre Bernardo Gianni a realizzare una serie di scatti sul tema del Convegno Ecclesiale. Uno sguardo femminile, ispirato dalla fede che ci racconta da una parte  una Firenze che vive, la Firenze di tutti i giorni attraverso i suoi luoghi dell’umano, come la stazione, il mercato, l’università, il parcheggio, la cucina di una mensa per i poveri, dall’altro la narrazione del rapporto tra Dio e l’uomo grazie allo scrigno prezioso del Museo di S. Marco  e delle opere del Beato Angelico della Trinità del Masaccio e di tanti altri capolavori di cui è ricca la città, non ultimo la sua  straordinaria vista panoramica che si ammira dalla Chiesa di S. Miniato. Strumento di riflessione attorno al tema del Convegno il cui  cammino  è anche interattivo,  grazie alla rete, attraverso il sito dedicato www.firenze2015.it e i social media, Facebook e Twitter che favoriscono l’interazione con i giovani e che permettono di allargare “ad extra” la riflessione sull’umano. Domenica  7 dicembre sarà  proclamato il logo ufficiale dell’evento scelto dagli  oltre duecento i contributi giunti alla segreteria del Convegno tramite la pagina FB e di cui ne sono stati selezionati 3 finalisti . Partecipazione  e dialogo  anche attraverso le nuove forme dei social media.

 

.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »