energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Mondiali: cambiano le salite, sorgono tribune Sport

Stamani martedi gli organizzatori dei campionati del mondo di ciclismo in programma in Toscana da 22 al 29 settembre hanno alzato il sipario ufficiale su questo straordinario evento.  Ed hanno annunciato alcune novità rispetto a quanto già noto. Hanno detto che tutte le 12 gare iridate, e non solo quella dei professionisti, transiteranno dal centro storico fiorentino, cioè davanti al Duomo, Battistero e Lungarni per arrivare al traguardo comune fissato nel Viale Paoli al Campo di Marte. Nel percorso della corsa dei professionisti sono “sparite” le salite di Montecatini Alto e di Vico ed è stata inserita quella di Montecarlo di Lucca.
  Confermato per i professionisti il passaggio dal centro di Casalguidi per transitare così davanti al cimitero in cui riposa Franco Ballerini al cui nome sono dedicati questi mondiali. A questo proposito è in corso una pratica, pare bene avviata, per trasferire quest’estate la salma dell’indimenticabile personaggio del ciclismo dall’attuale loculo in alto e in fila con altri, ad una tomba a terra, accanto alla cappella del cimitero, quindi isolata. Ciò consentirebbe, in occasione dei mondiali, ai tantissimi sportivi che sicuramente gli renderanno omaggio di farlo senza recare disturbo alle altre tombe.
   Il finale delle cinque prove in linea, uomini e donne, è costituito dal circuito Firenze-Fiesole-Pian del Mugnone-Ponte alla Badia-Via Salviati-Via Bolognese-Ponterosso-Viale Don Minzoni-Le Cure-Viale dei Mille- Viale Paoli da ripetere più volte (i professionisti 10) a seconda delle categorie.
   Per la Via Salviati, salita ripida e stretta di 596 metri e tratto strategico per l’esito delle gare iridate, quindi particolarmente appetita dagli spettatori, è in corso un progetto. Vietare a tutti l’accesso ed erigere una tribunetta pensile nel tratto della strada di proprietà delle Ferrovie delle Stato.
   Soluzione alternativa transennare per il pubblico, in un lungo ristretto spazio, una sola parte della strada. In questo caso però – e questa è una grossa preoccupazione degli organizzatori – gli spettatori ammassati dietro le transenne potrebbero abbatterle, invadere la strada e compromettere la regolarità delle corse.
  Comunque stamani a Firenze (Palazzo Strozzi Sacrati Piazza Duomo) c’è stata la presentazione ufficiale dell’evento. Tanti personaggi in sala. In rappresentanza della Regione Vincenzo Ceccarelli anche presidente del Comitato istituzionale dei mondiali al posto del dimissionario Riccardo Nencini (vice è rimasto Dario Nardella che ha mandato dal Parlamento un messaggio); Stefania Saccardi vice sindaco del Comune di Firenze ed i rappresentanti delle province Lucca, Pistoia, Prato e Firenze ed i comuni Firenze, Lucca, Montecatini e Fiesole direttamente coinvolti in questi mondiali che saranno come ha dichiarato Enrico Rossi governatore della Toscana  “una vetrina unica ed irripetibile per la Toscana”.
  Il Comitato organizzativo dei mondiali con al vertice Angelo Zomegnan e Claudio Rossi. E del mondo sportivo in sala i vertici della Federciclismo Alfredo Martini e Renato Di Rocco; gli ex corridori Andrea Tafi e Roberto Poggiali; la vedova di Ballerini signora Sabrina con i figli Gianmarco e Matteo.
  Tanti gli interventi e tutti hanno convenuto che una regione così importante nell’universo del ciclismo e che ha dato grandi campioni come Bartali, Magni, Nencini, Ballerini, Cipollini, Enzo Sacchi, Linari e tanti altri meritava l’assegnazione dei questo meeting iridato.
   Ed elogi ed ammirazione per avere allestito un evento di così grande impatto mediatico ed internazionale e di significative ricadute turistiche, commerciali e di promozione delle bellezze artistiche uniche che ci sono in Toscana.
   E sono stati citati dei numeri a sostegno di questa tesi : saranno circa 700 i corridori; 450-500 mila persone giungeranno da tutte le parti del mondo; 7mila accreditati; 1300 giornalisti; 250 emittenti di 180 paesi dei 5 continenti; oltre 90 nazioni presenti.
Le ricadute economiche sono state valutate in un giro d’affari di circa 400 milioni, quindi anche maggiori entrate di imposte; una crescita del Pil in Italia di 225 milioni di cui 80 riguardano quello toscano; quasi 2000 posti di lavoro; 197 milioni di investimenti di cui 35 della Regione Toscana e gli enti coinvolti nei mondiali.
   Infine sono state illustrati i percorsi delle 12 gare che avranno sedi di partenza diverse – Pistoia, Montecatini, Cascine Firenze, Lucca – ma un unico traguardo a Firenze, Campo di Marte con lo striscione del traguardo nel Viale Paoli.
Il programma.
DOMENICA 22
CRONOMETRO a squadre 
Donne èlite il via da Pistoia km. 42,790
Uomini èlite da Montecatini km. 56,800
LUNEDI 23
CRONOMETRO individuale
Donne junior da Cascine Firenze km. 15,490
Donne under 23 da Pistoia km.42,790
MARTEDI 24
Uomini junior da Cascine Firenze km.25,340
Donne èlite da Cascine Firenze km.25,340
MERCOLEDI 25
Uomini èlite da Montecatini Terme km. 56,800
GIOVEDI 26
Congresso in Palazzo Vecchio U.C.I.
VENERDI 27
Gare in linea
Donne junior da Viale Paoli km. 82,850
Donne under 23 da Montecatini Terme km.172,790
SABATO
Uomini junior da Montecatini Terme km. 139,650
Donne èlite da Montecatini Terme km 139,650
DOMENICA 29
Uomini professionisti da Lucca km. 272,260.

È possibile effettuare il download delle altimetrie e delle planimetrie di tutti i percorsi al seguente indirizzo: www.toscana2013.it/?page=15http://www.toscana2013.it/?page=15

Franco Calamai

Print Friendly, PDF & Email

Translate »