energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Presepe per la cittadinanza ai figli di immigrati contestato dall’estrema destra Cronaca

Sembra che quest’anno per i presepi toscani non ci sia pace. Dopo il furto delle statue della Sacra Famiglia a Carrara e il vento che poi ha spazzato via la capannccia, ora tocca al  presepe di Perignano, nel pisano. Forza Nuova di Pisa si è infatti scagliato con forza contro don Armando Zappolini, parroco di Perignano, che nella sua chiesa ha allestito un presepe “particolare” ed inusuale, a sostegno della proposta di legge di concedere la cittadinanza italiana per i figli di immigrati nati in Italia. I militanti di estrema destra hanno chiesto alle autorità ecclesiastiche di richiamare “don Armando al rispetto dell'istituzione che rappresenta facendo cessare tali trovate propagandistiche, riservandosi, in difetto, di porre in essere iniziative clamorose”. Il presepe infatti ospita, insieme ai personaggi classici, le schede anagrafiche di tre bambini figli di immigrati che vivono in Italia. “Gesù – ha spiegato don Zappolini – oggi dovrebbe chiedere il permesso di soggiorno ed è per questo che proponiamo questa iniziativa, visti i tanti casi di giovani nati e cresciuti in Italia, ma da genitori stranieri, che devono rimanere senza diritti”. Piena solidarietà al parroco da parte di numerose istituzioni, primo fra tutti quella del presidente della Regione, Enrico Rossi, che ha inviato un messaggio al sacerdote, non nuovo ad allestire presepi “provocatori”: “Caro don Armando, ti scrivo per ringraziarti di una iniziativa che condivido pienamente. Il riconoscimento dello jus soli è un fondamento di civiltà. Che anche tu raccolga nella tua chiesa le firme a questo stesso scopo mi conferma di essere nel giusto e in ottima compagnia. Quanto a critiche e minacce sono certo che non hai bisogno del mio incoraggiamento, che pure ti offro”. Insomma, alla fine, prima o poi, saremo costretti a vedere il Bambinello Gesù posto sotto scorta protettiva da parte dei Carabinieri.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »