energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Presidio lavoratori Mibact: proteste per tagli e produttività non pagata Cronaca

Firenze – Stamani, davanti alla sede della Ragioneria Territoriale di Stato di Firenze, si è tenuto un presidio unitario (Fp Cgil, Cisl Fp e Uilpa di Firenze) dei lavoratori del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact), per protestare contro il mancato pagamento del Fondo di produttività e per il continuo taglio delle risorse.

Il presidio di Firenze fa parte di un’iniziativa di protesta lanciata a livello nazionale dai sindacati di categoria, che avrà il suo culmine nella manifestazione del 29 luglio a Roma per ”reclamare rispetto e riconoscimento verso il personale dei Beni culturali, e la valorizzazione delle loro professionalità come leva indispensabile di rilancio del patrimonio culturale italiano”. I sindacati hanno spiegato: ”L’economia della nostra città è sostenuta in gran parte dalla cultura e dal turismo. Stupisce che il Governo continui in una politica di tagli delle risorse che penalizza fortemente non solo i lavoratori che devono subire il mancato pagamento delle spettanze, ma anche la struttura economica e produttiva di Firenze come delle altre città italiane che basano in prevalenza la loro economia su cultura e turismo”. A rischio servizi e aperture di musei: è lo scenario che potrebbe prospettarsi nelle mobilitazioni dei lavoratori in caso di mancate risposte.
Il servizio di Toscana Media Channel

“Se negli ultimi anni 15 anni il flusso di visitatori è aumentato e con esso gli introiti – dicono i sindacati – è merito anche degli accordi sulla produttività che abbiamo sottoscritto, e che hanno permesso di tenere aperti i siti culturali in gestione statale per 11 ore al giorno e 362 giorni l’anno. Eppure sono anni che il Ministero dell’Economia, nonostante i dati che attestano i guadagni effettivi di produttività e nonostante le annunciate semplificazioni che avrebbero dovuto velocizzare l’utilizzo dei fondi dedicati, non fa che ritardare il pagamento ai lavoratori delle prestazioni svolte”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »