energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Primato a Siena, nasce la prima “Libera Università del Jazz” d’Italia Notizie dalla toscana

Con la firma del decreto ministeriale, da parte del ministro all'Istruzione università e ricerca, Mariastella Gelmini, la prestigiosa istituzione senese, da oltre trent'anni leader nell'alta formazione jazzistica in Italia, tra le più qualificate realtà didattiche del mondo, viene abilitata a rilasciare titoli accademici equipollenti, sul piano normativo, a quelli dei conservatori statali e delle grandi istituzioni e università europee e internazionali, con cui la Fondazione collabora peraltro da anni. Siena jazz è nata come associazione culturale nel 9 settembre 1977, nel 1991 si è ricostituita in associazione pubblico-privato, e nel novembre 2005 è divenuta Fondazione Siena Jazz – Accademia nazionale del jazz. Soci fondatori sono il Comune di Siena, la Provincia di Siena e l'Associaizone jazzistica senese, con il supporto del Mibac, del Sistema regionale dello spettacolo, Monte dei paschi di Siena (Mps) e Fondazione Mps. Ora è la prima "Libera Università del Jazz" d'Italia.
Il presidente della Fondazione, Franco Caroni, ha parlato di un sogno che è divenuto realtà. "Abbiamo realizzato un sogno e vinto una scommessa tra le più importanti per Siena – ha commentato Caroni -, il risultato ottenuto va ora concretizzato sul piano organizzativo e didattico, rilanciando la nostra offerta formativa, attivando convenzioni importanti e scambi didattici anche tramite il progetto Erasmus". Certo, fa intendere, in una fase di crisi e tagli come quella attuale, non è facile investire e realizzare nuovi progetti. Caroni ha quasi rivolto un appello ai soci fondatori e alle istituzioni perchè si impegnino per il futuro della nuova Libera Università, un nuovo primato per Siena e per la Toscana. "Occorre però – ha detto Caroni – uno sforzo comune che impegnerà tutti i soci fondatori e le istituzioni senesi e regionali", consci e forti del fatto che "Siena e la Toscana vedono confermata l'alta qualità delle proprie istituzioni culturali".

Print Friendly, PDF & Email

Translate »