energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Primo Open Day della ricerca all’Università di Pisa STAMP - Università

Mercoledì 14 e giovedì 15 dicembre all’Università di Pisa si terrà il primo Open Day della ricerca. A Palazzo Reale verranno allestiti, grazie al patrocinio del Comune e della Provincia di Pisa e del ministero dei Beni culturali, stand nei quali verranno esposti i progetti ed i prototipi realizzati dall’Ateneo pisano. La mattinata di mercoledì 14 verrà dedicata alle ricerche sulla riproduzione robotica della mano umana, all'archeologia come strumento di supporto nella gestione urbanistica delle città, alle onde gravitazionali, alle missioni pisane nell'antico Egitto, alla monoposto da corsa dell'Ateneo, ai nuovi strumenti della cultura digitale ed alle ricerche sulla mente dei bambini. Nel pomeriggio di mercoledì, invece, spazio alle idee ed ai progetti dei giovani ricercatori dell’Università di Pisa che hanno partecipato, fra aprile ed ottobre, alla prima edizione del percorso PHD plus, un’iniziativa dell'Ateneo pisano che mira a favorire la diffusione dello spirito imprenditoriale fra i giovani studiosi ed a valorizzare le idee innovative a livello commerciale. Nella mattinata di giovedì, invece, verranno illustrate le ricerche sull'utilizzo dell'energia solare, sulla storia dell'Arabia prima di Maometto, sul rapporto tra testi filosofici antichi e tecnologie informatiche, sui nuovi stati fisici della materia, sui metodi alternativi alla sperimentazione animale. Ad aprire l’Open Day pisano della ricerca saranno il rettore, Massimo Augello, ed il prorettore alla Ricerca, Paolo Ferragina. Dopo i saluti di rito, rettore e prorettore premieranno le migliori 8 idee di impresa presentate dai ricercatori dell’Università di Pisa con un contributo di 4.500 euro per ciascuna. Al termine della premiazione interverrà il comico di Zelig Paolo Migone, che intratterrà studenti e docenti con battute ispirate alla propria esperienza nella Facoltà di Agraria dell’Ateneo pisano. Le giornate dell’Open Day della ricerca, però, saranno dedicate soprattutto agli studenti delle scuole superiori, che potranno osservare, nella Sala degli Arazzi e nella Sala Ceci di Palazzo Reale, i progetti realizzati dai ricercatori pisani.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »