energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Professioni, una nuova ricerca per fotografare il settore Economia

Firenze – Fare una fotografia dettagliata del mondo delle professioni intellettuali in Toscana. Questo il compito che si prefigge la nuova ricerca che la Regione ha commissionato a Irpet, per fornire un quadro conoscitivo più completo del fenomeno e delle principali problematiche del settore, aggiornando l’indagine che Irpet aveva realizzato per la prima volta nel 2014. 

“L’indagine – spiega il direttore Irpet Stefano Casini Benvenuti – aggiorna, su richiesta della Regione e della Commissione regionale dei soggetti professionali, nell’ambito dell’Osservatorio sulle professioni curato da Irpet, la prima indagine realizzata nel 2015. La ricerca si svolgerà innanzitutto attraverso un questionario online rivolto direttamente ai professionisti, grazie alla collaborazione con le diverse associazioni. L’obiettivo è quello di fornire un quadro ancora più preciso di un fenomeno di cui è difficile avere un quadro esaustivo. In sintesi, da un lato si pone l’esigenza di una conoscenza più approfondita del mondo delle professioni in particolare nello spaccato meno conoscito dei professionisti delle attività regolamentate e non ordistiche; dall’altro si tratta di entrare nel mondo delle professioni al fine di cogliere i soggetti più dinamici in grado, col loro contributo, di migliorare la competitività dell’intero sistema produttivo”. 

Come già emerso dalle precedenti indagini, il mondo delle professioni è fortemente presente in Toscana, sia per quanto riguarda gli ordini e i collegi, sia per quanto riguarda le professioni regolamentate e non ordinistiche. Da tempo la Regione ha inaugurato politiche e incentivi a sostegno di una componente esssenziale per lo sviluppo dell’economia e la crescita della società toscana. 

Il 10% degli occupati In Toscana le professioni intellettuali, come osserva il consigliere per il lavoro e delegato del presidente Rossi per le professioni Gianfranco Simoncini, sono più presenti che nel resto d’Italia, sia per quanto riguarda gli iscritti a ordini e collegi, sia per quelle professioni regolamentate. Quasi il 10 % degli occupati Toscani appartiene a questo mondo. Ma è un mondo attraversato da profondi cambiamenti, che ha risentito della crisi e che deve trovare nuove strade per risollevarsi. 

La legge sulle professioni La Regione Toscana, come ricorda Simoncini, con la legge 73 del 2008 è stata la prima a venire incontro alle problematiche del settore. E’ grazie a quella legge, rinnovata nel 2017, che si è costituita la Commissione dei soggetti professionali, che oggi ha i suoi due vicepresidenti delegati anche al tavolo di concertazione dove passano i principali provvedimenti della giunta che li riguardano. Non solo.La Toscana è stata anche la prima regione a dare corso alle indicazioni tese ad equiparare professionisti ed imprese per quanto riguarda l’utilizzo dei fondi europei e, di recente, a dare direttive precise perché si evitono comportamenti vessatori verso i professionisti ribadendo la questione dell’equo compenso per le prestazioni professionali. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »