energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Proposta Comitato Pendolari Lu-Fi, tanti complimenti ma ancora niente di fatto Cronaca

Una proposta tecnica di miglioramento dei servizi sulla linea Lucca-Firenze, sia su ferro che su gomma, molto equilibrata e concreta, come ammesso dalla stessa Regione a cui è stata presentata; una lettera indirizzata ai consiglieri regionali eletti nel collegio di Lucca per sollecitare l'attenzione sulla proposta; altri incontri già avvenuti con lacuni dei consiglieri regionali sollecitati, un incontro col candidato sindaco del centrosinistra Alessandro Tambellini già avvenuto, mentre è stato sollecitato (sono ancora in attesa di risposta) anche col candidato sindaco del centrodestra Mauro Favilla. E, sarà richiesto, come sottolinea il Comitato, anche agli altri candidati alla poltrona di primo cittadino di Lucca. Non solo. Tutta una serie di confronti, fra cui molti ancora in agenda, che hanno impegnato e impegneranno il Comitato dei Pendolari lucchese in un vero tour de force per portare a realizzazione la proposta. Buona, anzi ottima per tutti: ma che per ora rimane sulla carta.

Ma di cosa si parla? La proposta avanzata dal Comitato e portata sei mesi fa all'attenzione della VII Commissione consiliare regionale evidenzia sostanzialmente la necessità di istituire una sinergia virtuosa bus-treno, andando così verso un rafforzamento e una continuità del servizio che garantisca ai pendolari l'arrivo in orario sul posto di lavoro. Fra i temi prioritari della proposta,  treni  regionali veloci con tempo percorrenza massimo 1 ora, con uno scadenziario corse che rispetti sostanzialmente le esigenze di lavoratori e studenti, riportato in dettaglio nella proposta stessa. Si aggiunge la necessità di ottimizzare  il percorso Bus, facendo saltare tratte in cui quasi regolarmente il mezzo viaggio vuoto, mentre si chiede la garanzia delle seguenti corse: Lucca-Firenze: 6.25, 6.45 (sia Via Baracca che Firenze Nova), 7.30, 7.55; Firenze-Lucca: 16.45 (Via Firenze Nova), 17.15, 17.40, 18.15, 19.15, 20.15 (via traversagna); Bus Firenze-Lucca ore 13.15, 13.40, 14.15, 14.40. Considerato il numero della bassa utenza si potrebbe passare da 4 a 2 corse con orario 13.30 e 14.30.

Per quanto riguarda le esigenze, diciamo così, in seconda battuta, il Comitato redige una lista che comprende la maggiore efficenza del numero verde regionale sulle segnalazioni dell'utenza, spostamento delle fasce garantite in caso di sciopero ("attualmente la fascia oraria garantita di rientro è 12/15, ma, dal momento che  il bus extraurbano Lucca-Firenze è frequentato da lavoratori pendolari e studenti universitari, questa fascia non garantisce il rientro. E’ necessario che la fascia garantita sia per questa linea 17/20", spiega il Comitato), meno burocrazia per gli abbonamenti e controlli più stringenti, magari con penali, per ritardi o annullamento corse imputabili a Rfi o VaiBus. Inoltre, una importante tematica riguarda la realizzazione della pensilina alla fermta Bar Nelli, la realizzazione di un parcheggio in prossimità allo stesso bar o dietro il laggio su Viale Europa, e, infine, la convenzione con il parcheggio della stazione e di V.le Carducci "anche per coloro che hanno l’abbonamento solo Vai Bus e quindi non l’integrato treno/Bus".

Inoltre, fra le priorità assolute, il Comitato rimarca un dato fondamentale: lo spostamento del capolinea dei Bus extraurbani da P.le Adua a Staz. Leopolda "porterà ad una divergenza dei sistemi di trasporto e quindi fa decadere numerose delle proposte di sinergia bus/treno che auspichiamo. In ottica di miglioramento del servizio, ottimizzazione e riduzione costi e minor uso dei veicoli privati è indispensabile che lo spostamento del capolinea non sia effettuato".

Una proposta dettagliata, concreta e che, come spiega il comitato, guarda anche all'ottimizzazione delle risorse. Tant'è vero che non impiega neppure una sola risorsa per effettuare una razionalizzazione che potrebbe partire anche da domani. Ed è proprio per illustrare questa proposta che il Comitato è andato all'audizione con la commissione regionale dei trasporti 6 mesi fa, oltre a presentarla all'assessore provinciale ai trasporti lucchese Rovai. Ricevendo apprezzamenti in particolare dalla VII Commissione regionale, che sottolineò, oltre al paluso per il merito della proposta, anche l'apprezzamento per il valore che rivestiva un documento tecnico presentato "direttamente dagli utenti che vivono il problema". Belle parole e per ora, nulla di fatto.

L'altro step del Comitato è stato compiuto il 14 aprile scorso, quando la lettera con la sintesi delle attività svolte e la proposta allegata fu presentata ai consiglieri regionali eletti nel Collegio lucchese, appellandosi alla loro qualità di pendolari. Non solo: molti incontri con i consiglieri sono già stati realizzati, altri sono in programma. 

Nel frattempo, un incontro con il candidato sindaco del centrosinistra Alessandro Tambellini si è svolto a febbraio. Oggetto del confronto, le tematiche di pertinenza del Comune di Lucca: l'installazione di una pensilina coperta alle fermate in Viale Europa ed un parcheggio scambiatore gratuito per i pendolari nei pressi del Viale Europa.

"AlessandroTambellini ha accolto positivamente la proposta fatta di installare una pensilina, si è impegnato a realizzarla entro ottobre 2012, ovviamente in caso di sua elezione – si legge nella nota del Comitato Pendolari Lu-Fi – per quanto concerne la realizzazione del parcheggio scambiatore ha ugualmente accolto la richiesta la cui
realizzazione dovrà essere oggetto di approfondimenti e dovrà essere inserita in un contesto più ampio anche in
considerazione dei vincoli urbanistici, si è comunque impegnato a dare risposte concrete entro 18 mesi dalla sua
elezione".

Fra i prossimi appuntamenti, gli incontri con gli altri candidati sindaci se le disponiblità saranno date, e quello con Federconsumatori. Oggetto di quest'ultimo appuntamento, saranno i temi relativi alle carte dei servizi delle aziende esercenti il servizio di trasporto, vincoli contrattuali con l’utenza abbonata ed il tema dei rimborsi nel caso di ritardo.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »