energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Le proposte dei teatri fiorentini per salutare il 2014 e brindare al nuovo anno‏ Spettacoli

Firenze – Per dire addio al 2014 e brindare all’arrivo del nuovo anno sono in molti anche a Firenze a scegliere uno spettacolo teatrale e tra le numerose possibilità vi segnaliamo alcune proposte in programma  per questa sera, 31 dicembre. Rocco Papaleo al Teatro della Pergola presenta il suo ultimo spettacolo scritto insieme a Valter Lupo che ne firma la regia,  dal titolo “Una piccola impresa meridionale”.  Un teatro “a portata di mano, col desiderio, a ben vedere, solo di stringerne altre” dice lo stesso Papaleo, “Un esperimento di teatro canzone, come un diario da sfogliare a caso, che raccoglie pensieri di giorni differenti. Brevi annotazioni, rime lasciate a metà, parole che cercavano una musica, storielle divertenti…. Fin qui, il senso della piccola impresa. A renderla meridionale, ci pensa l’anagrafe, mia e della band che tiene il tempo. Ma sarebbe meglio dire, il controtempo, visto che il sud, di solito, scorre a un ritmo diverso. La questione meridionale in fondo è tutta qui: uno scarto di fuso orario, un jet lag della contemporaneità che spesso intorpidisce le nostre ambizioni. Del corpo sociale, siamo gli arti periferici, dita e unghie. Il cuore pulsante batte altrove, mentre a noi, tutt’al più spetta la manicure.” Sul palco insieme a Papaleo troviamo  Francesco Accardo alla chitarra, Jerry Accardo alle percussioni, Guerino Rondolone al contrabbasso e Arturo Valiante al pianoforte.

Al Teatro Verdi per la regia di Chiara Noschese “The best of musical” un grande tributo ai musical come “La Bella e la Bestia”, “Mamma Mia”, “Sister Act”, “La febbre del sabato sera” con  musiche dal vivo eseguite da Massimiliano Grazzini, Marco Parenti, Paolo Petrini, e sul palco Michel Altieri, Arianna Bergamaschi, Giulio Benvenuti, Michele Carfora, Samuele Cavallo, Simona Di Stefano, Elisa Lombardi, Chiara Materassi, Massimiliano Pironti, Francesca Taverni e le coreografie di Eleonora lombardo. .Un meraviglioso viaggio senza mai dimenticare le storie dei quattro spettacoli, perché senza storie il teatro non esiste, perché il teatro è racconto, perché il teatro è qualcuno che ascolta, possibilmente, con il candore e gli occhi puliti di un bambino” afferma Chiara Noschese. Un viaggio attraverso le storie, il fascino ma, soprattutto, la musica di quattro musical diventati oramai leggende, attraverso un percorso emozionale e visivo e attraverso le grandi voci dei protagonisti che hanno reso questi grandi spettacoli dei successi anche italiani. Lo spettacolo terminerà pochi minuti prima dello scoccare della mezzanotte, in tempo per il brindisi nel foyer del teatro.

Al Teatro Puccini Katia Beni e Anna Meacci sono le protagoniste di “ Non c’è duo senza te” scritto dalle due attrici toscane insieme al giornalista e scrittore Alberto Severi. Un happening  a sorpresa, con il coinvolgimento del pubblico nella formula a due che tanto successo ha riscosso nel fortunato sodalizio con lo spettacolo Ticket & Tac e nelle dimostrazioni del  Laboratorio di Teatro Comico che le ha viste protagoniste in scena con i loro allievi nelle esilaranti serate dal titolo Piccole conferenze sulla comicità. Le due attrici toscane, nonché due amiche dentro e fuori scena, hanno deciso di ripresentarsi in coppia anche stavolta, per una serata speciale in cui giocare con pubblico, coinvolgendolo attraverso improvvisazioni, sketch di repertorio in assolo o in duo, fino a mettere in scena un piccolo ed inedito evento: un quadro sulla cattiveria che vede protagoniste due donne non più giovani, grette, pettegole, razziste che da un terrazzino del centro di Firenze puntano il loro bieco sguardo sul mondo, dando sfogo al loro sarcasmo sui fatti della vita.

Spazio Alfieri e I Ragazzi di Sipario presentano “Minerale? Naturale!” di Achille Campanile per la regia di Claudio Spaggiari. Un incontro a cena con Achille Campanile, l’equilibrista della parola scomparso nel 1977 e uno dei più grandi umoristi del Novecento. Un genio riconosciuto dell’assurdo, un maestro nella combinazione delle parole, capace di virtuosismi e di aprire al sorriso con battute secche basate sulla semplice contrapposizione dei significati di una stessa parola. A mezzanotte il brindisi per accogliere il Nuovo Anno.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »