energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Prorogata fino al 31 luglio “Le Facce di Lu’”, personale di Luigi Viroli a Maninpasta di Arezzo Arezzo, My Stamp

Visto il successo ottenuto dalla mostra Le Facce di Lu’ di Luigi Viroli, allestita all’interno del Ristorante Maninpasta di via Guelfa, ad Arezzo, gli organizzatori hanno deciso di prorogarla fino al 31 luglio 2019.

Il colore e la vitalità dei quadri dell’artista aretino si sono perfettamente fusi con l’atmosfera informale e dinamica del locale, tanto da far pensare a molti frequentatori che le opere fossero state realizzate appositamente. Proprio per questo, la proprietà ha pensato di prorogare l’esposizione fino alla chiusura estiva, ma con una novità. La mostra verrà completamente rinnovata, i quadri saranno tutti sostituiti dando una veste ancora diversa al locale. Lo stile di Viroli andrà a esprimersi nuovamente offrendo, a chi avrà il piacere di visitare la mostra ma anche a tutti coloro che si recheranno nel ristorante a pranzo o cena, una suggestione nuova.

“L’idea della mostra dinamica che abbiamo pensato con Viroli ci è sembrata divertente e stimolante – dichiarano i fratelli Lodovichi, proprietari di Maninpasta. – ‘Le facce di Lù’ hanno riscosso un grande successo, per questo ci piaceva proseguire questa linea collaborativa e siamo certi che cambiando i quadri esposti e ridando una luce ancora diversa al locale, pur mantenendo lo stile giocoso e colorato di Viroli, andremo a creare nuove suggestioni nella nostra clientela”.

Viroli, oltre che artista, è anche attento designer d’interni e meticoloso analitico degli spazi ed ha già curato il nuovo allestimento che sarà visibile già a partire dal 9 maggio. A grande richiesta ci sarà una serie dedicata ai musicisti, tra i quali spiccano Mina, Renato ZeroMichael Jackson. Pochi tratti per caratterizzare attraverso un particolare un personaggio, uno stato d’animo o una sensazione. Questa è la grande capacità di Viroli: colpire lo spettatore con poche linee, che unendosi in una geometria perfetta vanno a evocare immagini note della memoria.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »