energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Prova Sassuolo per il momento no: viola fantasmi o guerrieri? Sport

Firenze – La Fiorentina torna in campo domani al Franchi contro il Sassuolo ancora frastornata dalle due scoppole rimediate nel derby con l’Empoli e da una situazione interna tutt’altro che idilliaca. I rapporti infatti tra allenatore e società sono in discussione, i tifosi iniziano ad essere stufi di vedere la propria squadra perdere punti importanti rischiando di gettare al vento una prima parte di campionato da incorniciare.

Sopratutto è la mancanza di mordente e di rabbia agonistica ad aver disilluso il popolo viola, portando solo poche centinaia di persone all’allenamento a porte aperte al Franchi in settimana, un gesto che voleva ricreare la simbiosi squadra-stadio. Così non è stato, qualche mugugno, alcuni striscioni contro la società e qualche giocatore e un Sousa che in sala stampa appare nervoso e visibilmente scocciato dalle illazioni dei giornalisti su un suo futuro lontano da Firenze, in particolare in Russia: “Non c’è stata nessuna cena con lo Zenit. Mi dispiace che sia stata data una notizia non vera che ha incrinato il rapporto tra me e la stampa. Ho parlato col presidente e con Cognigni, ci confrontiamo sempre sia sul presente che sul futuro perché io sono una persona chiara, con uno spirito costruttivo. Per me nella mia testa c’è sempre la voglia di lavorare al massimo e di dare tutto: io sono costantemente focalizzato su quello che sto facendo in questo presente. Il mio obiettivo è migliorare i giocatori che ho a disposizione. Spesso in passato ho interrotto il mio rapporto perché non è stato dato rilievo al lavoro mio e del mio staff. In contemporanea ho avuto l’opportunità di valutare altre proposte di lavoro ma questo non è il caso, io sto bene qui a Firenze”. Insomma, mezze parole che non confermano la sua permanenza il prossimo anno, a meno che Della Valle non proponga un progetto tecnico serio che possa convincerlo a rimanere.

Intanto la partita di domani ha una valenza importantissima, vista la crisi di risultati che i viola devono chiudere proprio contro uno degli allenatori possibili sostituti del tecnico lusitano, quel Di Francesco che sta facendo benissimo con i neroverdi: “E’ una squadra che ha cambiato poco rispetto agli altri anni, sa giocare molto bene sia con la palla che senza palla, sa pressare in modo molto alto. Porta tanti giocatori a fare pressing per cui dovremo mostrare molta intensità nell’arco di tutta la partita”.

Sassuolo in forma, Fiorentina in difficoltà che deve reagire alla figuraccia contro l’Empoli: “Noi abbiamo certi tipi di giocatori e pertanto dobbiamo puntare sui punti di forza di questi giocatori. Abbandonare un certo tipo di gioco che è nelle corde dei miei ragazzi non è la scelta giusta. In questa settimana abbiamo fatto tutti un passo in avanti rianimandoci. Abbiamo visto che non è stato sufficiente il dominio sull’avversario e le occasioni avute per vincere la partita nell’ultimo turno. Domani avremo molte meno opportunità rispetto alla gara di Empoli: spero però di invertire questo trend negativo. Durante la settimana da parte di tutti ho visto che è stato dato tutto sul campo. Sappiamo quali sono le qualità della nostra squadra e vogliamo ripagare i nostri sforzi e quelli della tifoseria che continua a credere in noi. E’ stata una settimana con tanti accorgimenti. Il calo di intensità dei miei ragazzi è’ un problema del quale stiamo parlando e stiamo lavorandoci. Abbiamo però dei numeri molto chiari che evidenziano come nella seconda parte di stagione tutti hanno corso di più ed hanno fatto maggiori accelerazioni. In questo periodo di norma aumenta la massa grassa e diminuisce la tonicità del muscolo, noi abbiamo invertito questo trend. L’intensità mentale è diversa, non lo stato fisico”.

Interessante sarà vedere chi potrà scendere in campo per dare quel brio e quella imprevedibilità che sopratutto in avanti sta mancando, rendendo la manovra offensiva troppo scontata e macchinosa. Le sensazioni della vigilia portano a pensare all’utilizzo di Zarate, acquisto di gennaio che sta cercando di guadagnarsi la conferma per il prossimo anno:”E’ un giocatore che rompe gli equilibri sempre. Ha delle caratteristiche che sicuramente creano difficoltà ai nostri avversari. E’ un ragazzo che si è integrato con grande predisposizione, ci sa aiutare sia partendo dall’inizio che a gara in corsa”.

Per il resto, Kalinic sarà in campo insieme a Ilicic, con Bernardeschi favorito su Tello. Per tornare a vincere e tenere Sassuolo e Milan a distanza di sicurezza.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »