energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Provincia di Prato: in 5 anni smaltiti rifiuti per oltre 7.000 tonnellate Notizie dalla toscana

Prato – In 5 anni di tutela ambientale (dal 2010 al 2014)e di azioni mirate contro l’abbandono e il traffico illecito di rifiuti la Polizia provinciale pratese ha smaltito circa 7.100 tonnellate di rifiuti tra cui anche molto amianto, che altrimenti sarebbero stati lasciati sul terreno o smaltiti in maniera irregolare, con gravi conseguenze per la salute pubblica.

Sempre nello stesso periodo sono stati recuperati 150 veicoli abbandonati su area privata che sono stati rimossi, demoliti o ripristinati alla circolazione e 64 le aree, gli edifici o i veicoli con rifiuti (trasportati illegalmente) posti sotto sequestro. I reati contestati ammontano a 254, 478 le sanzioni amministrative elevate su tutto il territorio provinciale.

Negli ultimi anni il lavoro si è intensificato, soprattutto per quanto riguarda i rifiuti che provengono dalle lavorazioni, considerati dalla nuova normativa tutti rifiuti speciali, quindi con procedure e costi di smaltimento specifici. Anche per questo motivo il fenomeno dell’abbandono è in aumento – spiega il comandante della Polizia provinciale Michele Pellegrini – Abbiamo messo in piedi con la Polizia municipale e il Corpo forestale una sorta di task force per un controllo strategico del territorio con appostamenti anche notturni. Si tratta di una priorità assoluta e se consideriamo che il corpo di Polizia provinciale è composto da 12 persone i risultati sono straordinari”.

Allo scopo di di adottare più incisive e tempestive iniziative preventive e di contrasto nei confronti dell’abbandono di rifiuti sul suolo pubblico è stata infatti progettata, all’interno del “Patto Prato Sicura” su disposizione della Prefettura e in accordo con la Questura, una particolare modalità operativa mediante l’impiego sinergico di equipaggi della Polizia provinciale, della Polizia municipale del Comune di Prato e del Corpo Forestale dello Stato, che controllano il territorio anche mediante mirati servizi notturni.

L’attività svolta dagli agenti della Polizia provinciale ha permesso di individuare responsabili di trasporti, abbandoni e gestioni di rifiuti senza autorizzazione e di effettuare sequestri di rifiuti di varia natura, come si diceva veicoli, aree, edifici ed attrezzature, con l’attivazione delle procedure di ripristino e bonifica dei luoghi inquinati. E anche il fenomeno dell’abbandono dei veicoli a motore su area privata è consistente. I controlli hanno permesso il più delle volte di identificare i responsabili e procedere, a norma di legge, alla rottamazione o al ripristino alla circolazione.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »