energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Psicologo di base, Vannucci: “Il benessere psicologico è un diritto per tutti” Breaking news, Cronaca

Firenze – Il benessere psicologico è un diritto e deve essere alla portata di tutti. Lo pensa da sempre il consigliere regionale del Pd Andrea Vanucci, ex assessore alla casa del Comune di Firenze, che ha ideato, portato avanti e infine tenuto a battesimo la legge della Regione Toscana che istituisce lo psicologo di base che ha avuto il via libera all’unanimità del consiglio regionale.

In sintesi, ecco cosa prevede la legge approvata oggi in Consiglio regionale: gli psicologi saranno chiamati a lavorare in sinergia con i medici di base e pediatri, che di fronte a una necessità di natura psicologica potranno contare su questa figura dedicata. Ma soprattutto potranno contarvi le persone maggiormente colpite dalle conseguenze di questi anni di pandemia come anziani, bambini, il personale socio sanitario. Settori della società che potranno disporre di un primo livello di servizi di cure psicologiche gratuite e accessibili a tutti indistintamente. Il servizio di psicologia di base sarà realizzato da ciascuna azienda unità sanitaria locale a livello di zona distretto. Sarà svolto, fino ad adeguamento degli organici, da psicologi liberi professionisti a rapporto convenzionale denominati appunto “psicologi di base”. La Giunta regionale, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge, con regolamento disciplinerà la formazione degli elenchi provinciali e la gestione degli incarichi convenzionali.

“È necessario che il sistema sanitario si faccia carico dei crescenti bisogni di salute nell’ambito della salute mentale che con la pandemia hanno registrato picchi vertiginosi – spiega Vannucci, ideatore e primo firmatario della legge – lo psicologo di base, che avrà un rapporto fiduciario con i propri pazienti, sarà fondamentale per riuscire a dare una prima risposta a questi due bisogni dei nostri cittadini. Abbiamo visto, in altri ambiti, quanto sia indispensabile la diagnosi precoce per limitare le ospedalizzazioni e gli accessi impropri al sistema di cure ma anche una presa in carico del paziente nel suo complesso e nei tempi utili per scongiurare eventuali aggravi. Per questo in questi mesi, dalla presentazione della proposta di legge fino alla sua approvazione abbiamo lavorato a fianco dell’Ordine degli Psicologi e di tutti gli attori in campo, a partire dall’Ordine dei medici e gli uffici del Consiglio e della Giunta, per trovare soluzioni in grado di garantire un’efficace e tempestiva risposta al bisogno sempre più emergente di benessere psicologico”.

“Sono felice che su questo progetto di legge ci sia stata una proficua collaborazione tra maggioranza e minoranze – sottolinea Vannucci – la pandemia infatti ha portato alla luce un evidente stato di necessità soprattutto nelle giovani generazioni che deve essere valutato e curato per tempo per evitare che possa diventare cronico. Basti pensare che inviare i pazienti da uno psicologo entro un anno dall’insorgere del disturbo, permetterebbe un intervento efficace che potrebbe evitare di portare alla prescrizione di psicofarmaci”.

Un percorso che parte da lontano (https://www.stamptoscana.it/psicologo-di-base-parte-liter-vannucci-non-puo-essere-un-lusso-bisogno-vero/) e che inserisce nell’assistenza sanitaria toscana un servizio in più, come spiega  il presidente della commissione sanità Enrico Sostegni, “un servizio che vorremmo diventasse strutturale e integrato in tutta l’organizzazione sanitaria regionale. Nel lavoro fatto in commissione è stato riaffermato il raccordo tra lo psicologo di base e i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta e sono stati rafforzati il monitoraggio e la fase valutativa, prevedendo una relazione dopo due anni su cui si dovrà esprimere anche la stessa commissione”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »