energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale gli Statuti degli Atenei di Pisa e Siena STAMP - Università

Solo l’Università di Firenze resta, fra gli Atenei toscani, senza un nuovo Statuto. Dopo l’approvazione in Senato Accademico dei 24 nuovi Dipartimenti (Il Senato Accademico dell’Ateneo fiorentino approva i 24 futuri Dipartimenti), in riva all’Arno si attende che la nuova carta dell’Università di Firenze possa entrare in vigore per rendere effettivo quanto richiesto dalla legge n. 240 del 2010, il cosiddetto “decreto Gelmini”. E se a Firenze le cose vanno per le lunghe, a Pisa ed a Siena gli Atenei cittadini hanno già pubblicato i loro nuovi statuti.  Emanato con decreto rettorale del 7 febbraio, lo Statuto dell’Università di Siena è stato pubblicato ieri, 28 febbraio, sulla Gazzetta Ufficiale e, secondo le norme contenute nella stessa carta normativa, è entrato in vigore dal giorno della pubblicazione. Più tortuosa l’approvazione dello Statuto dell’Università di Pisa. Il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), infatti, aveva fatto osservazioni su alcuni punti della carta proposta dall’Ateneo pisano (elettività dei membri del Consiglio di amministrazione, potere del Consiglio degli studenti di esprimere pareri obbligatori sulle modifiche di Statuto, composizione del Collegio di disciplina, numero minimo di docenti al di sotto del quale si procede alla disattivazione di un Dipartimento, previsione di revoca del direttore di Dipartimento, delega alle Scuole di competenze nel campo della didattica, incardinamento dei corsi di studio in più Dipartimenti, istituzione della Commissione paritetica docenti-studenti, sanzioni previste in caso di procedimento disciplinare, inizio dei mandati elettivi legato all'avvio dell'anno accademico, programma temporale per la prima applicazione dello Statuto). Dopo l’approvazione in Senato Accademico del 22 febbraio il rettore pisano, Massimo Augello, ha dato però il via libera alla pubblicazione del nuovo Statuto sulla Gazzetta Ufficiale, anch’essa avvenuta ieri, 28 febbraio. Ora l’Università di Firenze dovrà tentare di tenere il passo con gli altri due Atenei pubblici della Toscana.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »