energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Quirinale, Firenze prepara la piazza della protesta anti-Marini Politica

Firenze che non ci sta si confessa sulla Rete. E a dire il proprio dispiacere la delusione per la scelta del segretario, sono tanti anche del gruppo targato Bersani. Dalla base ai rappresentanti istituzionali, monta la protesta e il malumore, che diventa una vera e propria iniziativa di "lotta": alle 16,30, in piazza San Marco, in caso di elezione di Marini, è già pronta la protesta sotto il "titolo": Non regalate il paese a Berlusconi. No alle larghe intese a Marini Presidente. Votate Rodotà Presidente. E l'invito, postato anche da Alba, uno dei gruppi politici della sinistra fiorentina, aggiunge: "… portiamo cartelli, volantini, manifesti".

Del resto, a parte le dichiarazioni dei grandi elettori sulla Rete, ciò che appare in modo evidente è il plauso che sollevano immediatamente nella base, come capita ad esempio, al post della parlamentare aretina Donella Mattesini che dichiara di aver votato scheda bianca, sollevando l'approvazione immediata dei suoi sostenitori.
E la delusione è quella che emerge più evidente in una larga fetta dell'elettorato, delusione che già stigmatizza : un'immagine: quella che circola in rete dell' "abbraccio" fra Alfano e Bersani. Prova, posta qualcuno seguito immediatamente dai "Mi piace", dell'accordo (i meno garbati dicono "inciucio") che si sta, secondo buna parte del popolo Pd, consumando.

A riprova della fibrillazione del momento, Ignazio Marino, candidato vincente alle primarie del Pd a Roma, dichiara il suo voto a Rodotà. E la "fronda" emiliano-romagnola contro il voto a Marini potrebbe essere decisiva.

Cosa potrebbe accadere se Marini non passasse al primo turno? Tutto starebbe a contare i voti che lo seprano dall'elezione. Il voto segreto potrebbe riservare grandi sorprese.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »