energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Raffica di cadute, corridori all’ospedale Sport

Ben 155 allievi hanno disputato sulle strada del Mugello oggi domenica la 68°Coppa della Liberazione, una delle corse più antiche e più popolari del ciclismo toscano.   Una corsa battagliata, ma senza che nessun tentativo di fuga prendesse consistenza. Quindi al traguardo volatone e successo del campioncino Francesco Biondi della Polisportiva Milleluci di Casalguidi.
   Un vincitore di prestigio, una società tra le più qualificate nel ciclismo minore (ha conquistato anche il terzo posto, sebbene insieme al lombardo Marchiori, con un altro “gioiellino” cioè Edoardo Sali).
  Ci sono state anche alcune cadute e tre corridori hanno dovuto ricorrere alle cure del Pronto soccorso dell’ospedale di Borgo San Lorenzo. Ma soltanto uno è rimasto ricoverato (problemi ad una spalla).
  La corsa era anche valida quale settima ed ultima prova del Memorial Franco Ballerini. Trofeo andato a Geremia Piccioli (“Fosco Bessi” Calenzano), ma il bravo allievo in pratica si era aggiudicato, per raggiunto punteggio, quel trofeo già nella sesta prova.
  ORDINE D’ARRIVO
1°) Biondi Francesco (Pol. Milleluci Casalguidi) km. 80; media 41,449; 2°) Cardarilli Piergiorgio (Marche), 3°)p.m. Sali Edoardo (Milleluci) e Marchiori Leonardo (Milano); 5°) Bevilacqua Mattia (Coltano Pisa); 6°) Labbrozzi Francesco (Abruzzo); 7°) Luppichini Samuele (Coltano); 8°)Gentile Loris (Abruzzo), 9°) Marinozzi Alessandro (id.), 10°) Dubini Le Roi (Recanati).

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »