energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rapporto disabilità, spunta una proposta di legge sull’amministratore di sostegno Breaking news, Cronaca

Firenze – C’è anche una proposta di legge sull’amministratore di sostegno per le situazioni di disabilità, nell’elenco delle iniziative messe in campo dalla Regione Toscana per provvedere in vari modi a aumentare le chances di un’esistenza dignitosa e il più possibile autonoma ai diversamente abili.  Sono 238mila le persone con disabilità nella popolazione con 6 anni e più registrate in Toscana al primo gennaio 2018, in Italia sono 3milioni e 400mila (fonte Istat). I titolari di rendite dirette per infortuni sul lavoro o malattie professionali sono, invece, 59mila ossia l’1,58% della popolazione di cui l’84% maschi, ovvero 1.451 in meno rispetto al 2017 (Inail); i beneficiari di pensioni per le persone con disabilità sono 250mila, registrando una diminuzione di 1947 unità nel 2017 (Inps).

Sono questi alcuni dei dati Istat, Inail e Inps, che emergono dal quarto Rapporto sulla disabilità in Toscana presentato questa mattina, lunedì 27 gennaio, nella sede della giunta regionale, in Sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati, a Firenze, alla presenza dell’assessore al diritto alla salute, al welfare e all’integrazione sociosanitaria, Stefania Saccardi.

Al 2018, in Toscana, i soggetti con disabilità iscritti al collocamento mirato sono 43mila e 889, in lieve diminuzione rispetto al 2017 (-1.383 unità, -3%), registrando una sostanziale uguaglianza tra donne e uomini, mentre il titolo di studio più diffuso è quello di scuola secondaria di I grado in oltre il 40% dei casi. Circa il 7% degli iscritti ha invece un diploma di maturità. I dati relativi al 2018 registrano un saldo positivo tra avviamenti (2.418 unità) e risoluzioni (980) dei rapporti di lavoro.

Le rilevazioni dell’Osservatorio Sociale Regionale evidenziano che nel 2018 oltre 24mila e 600 soggetti, in età 0-64 anni, in carico al servizio sociale professionale, sono titolari di una cartella sociale attiva (l’8,9 ogni 1.000 residenti), avendo ricevuto nell’anno almeno una prestazione dell’assistente sociale. Si tratta del 14,3% in più rispetto al 2017 equivalente a un aumento di 3.080 assistiti. L’Osservatorio ha anche provato ad analizzare i dati relativi alle esenzioni per farmaci o per prestazioni a causa di patologie.

Sul fronte scolastico, in Toscana, gli alunni con disabilità sono 16.380, di cui il 39% in situazione di gravità pari al 3,45% del totale della popolazione scolastica, ossia il 18,5% in più rispetto all’anno scolastico 2015-2016 (analogamente in Italia si registra un +20%). Nello stesso periodo, nella nostra regione, i posti di sostegno sono cresciuti del 48% (+29% in Italia). Il rapporto tra alunni e posti di sostegno risulta in miglioramento: da 1,6 a 1,4 in Toscana e da 1,8 a 1,7 in Italia.

“La Toscana potrà diventare un faro nel panorama nazionale”, dice l’assessore regionale Stefania Saccardi, riferendosi al grande lavoro svolto dalla Regione Toscana in questi anni, testimoniato anche dai “90 milioni di euro messi a disposizione delle famiglie; le risorse del Fondo Sociale Europeo utilizzate per la realizzazione di progetti sull’accessibilità, favorendo la formazione, l’inserimento nel mondo lavorativo di persone con disabilità, la programmazione di azioni mirate a livello zonale. Penso ai progetti del Dopo di noi, all’attivazione del portale “Toscana accessibile”, al progetto Pass, il primo in Italia, per l’attivazione di percorsi assistenziali specifici nei pronto soccorso per persone con bisogni speciali, che prevede la formazione di facilitatori in 12 ospedali, con l’obiettivo di garantire un accesso equo ai servizi sanitari – ha continuato l’assessore – l’approccio all’accessibilità deve essere multidisciplinare e attraversare tutte le politiche. I traguardi non sono punto di arrivo, ma di partenza, che testimoniano l’attenzione della nostra Regione sui temi della disabilità. Come giunta abbiamo approvato una proposta di legge sulla figura dell’amministratore di sostegno, che sarà portata in Consiglio”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »