energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rari Nantes, il sindaco: “Urgente intervento di Regione e Parlamento” Società

Firenze – Vicenda complicata quella della Rari Nantes: 100 anni di storia intrecciata con le esistenze dei fiorentini, 100 anni di partecipazione alla vita corale della città, la Rari Nantes sarà spazzata via, se non si trovano soluzioni che al momento appaiono improbabili, non dall’acqua dell’Arno ma dalle leggi degli uomini. Quelle leggi che hanno il compito di tutelare il fiume e la città.

E proprio sul profilo legislativo si basa l’intervento di Dario Nardella, sindaco di Firenze, che circa lo sgombero della Rari si appella a Parlamento e Regione. “Questa vicenda, per la quale siamo tutti rammaricati, pone un tema: oggi è quanto mai urgente un intervento degli organi legislativi, Parlamento e Regione, per verificare tutte le condizioni per predisporre una nuova normativa per la gestione delle sponde nei tratti urbani che tenga conto del fatto che le esigenze e le condizioni attuali sono cambiate rispetto alla normativa del 1904 e valuti la compatibilità della legislazione vigente rispetto alle mutate condizioni. Per questo faccio appello ai parlamentari e ai consiglieri regionali”.

Infatti, precisa il sindaco, l’impegno è quello di salvare un simbolo cittadino, “senza però sacrificare il principio di legalità”. 

“Comunque conclude il sindaco – a prescindere dall’intervento normativo a livello nazionale e regionale, chiederò agli uffici competenti del Comune e della Città metropolitana di convocare una Conferenza dei servizi per verificare le condizioni di sicurezza del fiume (secondo quanto previsto dal Regio decreto del 1904) e la possibilità di insediare alcuni immobili che permettano una fruizione sociale del fiume, privilegiando le attività sportive collegate all’acqua. Anche nella peggiore delle ipotesi, il Comune con l’approvazione definitiva del Regolamento urbanistico ha individuato alcune aree sulle quali insediare nuovi impianti natatori da realizzare nei prossimi due anni”.
Intanto, prosegue la mobilitazione cittadina per impedire la chiusura e lo sgombro della Rari, con una festa nella sede della struttura che si terrà oggi a cominciare dalle 18,30. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »