energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

FulgorAzione, insieme Georges Méliès e la forza della musica Cultura

Capolona (Arezzo) – Due schermi, due proiezioni, due spettacoli in una sola serata e un modo completamente nuovo di ascoltare la musica: domani, giovedì 9 aprile 2015 (ore 21), nuovo appuntamento al Cinemateatro Fulgor di Capolona, alle porte di Arezzo. La serata, che inserisce nella rassegna FulgorAzione – Cultura a km zero, mette insieme il padre del cinema con le tecnologie più moderne. Il pubblico, infatti, potrà assistere alla proiezione di due cortometraggi di George Méliès e godere, in anteprima assoluta, di un impianto audio tetraedrico, capace di amplificare l’esperienza della musica dal vivo. Per l’occasione la sala del Fulgor sarà completamente rivoluzionata: due schermi montati ad angolo, impianto audio e musicisti al centro della sala, pubblico disposto attorno.

La prima parte della serata, intitolata Dittico Mèliès, è dedicata al geniale regista francese, universalmente considerato il secondo padre del cinema dopo i Fratelli Lumière. Gli schermi del Fulgor faranno rivivere “Viaggio sulla luna” (1902) e “Viaggio attraverso l’impossibile” (1904), primi e incomparabili esperimenti di film fantascientifici, attualizzati da una colonna sonora appositamente composta da Cesare Valentini (in prima esecuzione assoluta). A tratteggiare dialoghi e commenti dei due brevi film muti (16 e 24 minuti la durata), ci penserà la musica: suoni campionati, violino, violoncello, impreziositi dall’esibizione dal vivo di  Silvia Caccialupi (clarinetto) e Maria Rossi (tromba), due elementi del neonato Ensemble Fulgor, nonché due giovani talenti scaturiti dal Liceo Musicale Petrarca di Arezzo.

La seconda parte dello spettacolo gioca ancora sul doppio binario di musica e immagini. E ancora una volta si tratta di una prima esecuzione assoluta: Dulcineaincanti, di Roberto Fabbriciani, Roberto Masotti, Alessandro Sbordoni e Giuseppe Silvi gioca su rimandi e interpretazioni e per questo appronta una realtà ‘sdoppiata’ su due schermi, che si riflettono e si richiamano a vicenda, articolandosi tra elementi sonori e visivi e creando una pluralità di livelli e significati. Interagiscono tra loro un artista visivo, Roberto Masotti, che sviluppa all’istante le sue figurazioni collaborando con Gianluca Lo Presti, due performer musicali, Roberto Fabbriciani ai flauti e Alessandro Sbordoni al bayan, e Giuseppe Silvi, che cura il live electronics per l’elaborazione, la diffusione e la spazializzazione degli eventi sonori. Per realizzare questo complesso gioco di rimandi e sovrapposizioni è stata approntata una tecnologia di alto livello, che prevede tra l’altro l’utilizzo di un particolare tipo di altoparlante tetraedrico, creato e sviluppato recentemente da Giuseppe Silvi.

L’ingresso è riservato ai soci di Fulgor Contemporary Art, la tessera si può fare anche direttamente in loco al costo di 10 euro. Info e prenotazioni: tel. 335 5721291 oppure Ufficio Cultura Comune di Capolona 0575 421370.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »