energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Record norvegese scalda il Mugello Tuscany Open Sport

Il norvegese Knut Borsheim ha preso il largo nel secondo giro del Mugello Tuscany Open, evento in calendario nel Challenge Tour e nell’Italian Pro Tour, che si sta disputando sul percorso dell’UNA Poggio dei Medici Golf Club (par 71) a Scarperia (FI). Il 26enne di Bergen, dopo aver stabilito nel primo giro con 62 (-9) il nuovo record del campo, si è espresso con un 65 (-5) e con il totale di 127 (-15) ha lasciato a tre colpi l’olandese Floris De Vries (130 – 66 64, -12), che si è imposto in questa gara nel 2010. Al terzo posto con con 134 (-8) l’inglese Philllip Archer e il sudafricano Dylan Frittelli e lo scozzese Jamie O’Leary.
Ha operato una grande rimonta, grazie a un 64 (-4) Marco Crespi (nella foto), salito dal 79° al decimo e migliore degli italiani con 136 (72 64, -6), e si è mantenuto in alta classifica Andrea Pavan, 14° con 137 (68 69, -5). Sta disputando un ottimo torneo il dilettante Giorgio De Filippi, 22° con 138 (69 69), e sono rimasti in gara Andrea Maestroni, 30° con 139 (70 69, -3), Pietro Ricci (72 68), Filippo Bergamaschi (71 69), Andrea Rota (64 76), 36.i con 140 (-2), Niccolò Quintarelli, (68 73) e e l’altro brillante amateur Enrico Di Nitto (69 72), 43.i con 141 (-1), e Gregory Molteni, 56° con 142 (75 67, par).
Il taglio, caduto a 141 (-1), ha lasciato in gara 70 concorrenti sui 156 al via provenienti da tutto il mondo. I professionisti si contenderanno il montepremi di 160.000 euro dei quali 25.600 euro andranno al vincitore.
Sono rimasti fuori gli altri 23 italiani in campo, tra i quali Federico Colombo, 91° con 145 (+3), Andrea Perrino, 99° con 146 (+4), e Domenico Geminiani, 116° con 148 (+6).
Pavan, malgrado il recupero, non è apparso soddisfatto: “Non mi sono espresso come mi aspettavo – ha detto – e forse sto accusando anche un po’ di stanchezza, poiché sono al decimo torneo consecutivo. Ho sbagliato parecchi colpi tra i 90 e i 130 metri, che di solito sono la parte migliore del mio gioco, e così poche volte la palla è arrivata vicino alla bandiera. Pertanto, pur avendo puttato bene, di birdie ne sono arrivati pochi. Non ho avuto tanta fortuna, perché in alcune occasioni è cambiata la direzione del vento mentre la palla era in volo e deviazioni inopportune, anche se leggere, hanno avuto il loro peso. Comunque mi auguro che nei prossimi due giorni cambi la tendenza e che possa recuperare altre posizioni”. Nel suo parziale di 69 (-3) quattro birdie e due bogey, mentre Crespi ha messo insieme otto birdie e un bogey.
Nei giorni di gara l’ingresso per il pubblico è gratuito. Domenica prossima i neofiti potranno provare a giocare a golf in campo pratica assistiti da un maestro del club ospitante.
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »