energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Regione, apparecchiato il rimpasto? Politica

E' ormai chiaro (lo si legge da giorni) che il disgelo fra Rossi e Renzi comporta il “sacrificio” di qualcuno degli assessori “rossiani” in favore di qualcuno degli assessori “renziani”. Insomma, quello che tecnicamente si chiama “rimpasto”. Del resto, il sindaco non può non cogliere al volo l'occasione di piazzare un “fedelissimo” nello staff di governo di un presidente da cui lo dividono molte cose. Ma se il “fedelissimo” è Stefania Saccardi,  l'attuale vicesindaco, si capisce che la partita è grossa.

I sacrificabili ormai sono stati vagliati, dalla stampa alla politica: dalla vicepresidente Targetti all'assessore al lavoro Simoncini che avrebbe potuto prendere la via di Livorno per candidarsi a sindaco, ipotesi ormai priva di credibilità, l'assessore Allocca rimane il più “sacrificabile”, come lui stesso, con prese di posizione anche pubbliche, ha ormai annunciato di sapere.

Perché? Intanto, la sua appartenenza a Rifondazione Comunista potrebbe “far vedere rosso” a Renzi, abituato a cercare alleati piuttosto nel centro sinistra che a “sinistra”. Motivi non certo personali, ma di visione politica. Dunque, lo smussamento della giunta rossiana con il “taglio” dell'ala sinistra potrebbe comunque tornare molto gradita al sindaco. Oltre a ciò, gioca anche la relativa “debolezza” del blocco di sostegno dell'assessore: un conto è subire i nervosismi dell'FdS, un conto quelli di altri più “impattanti” compagni di cordata. In questo caso particolare poi, oltre alla freddezza crescente fra Rifondazione e la giunta di Rossi, qualcosa gioca anche il ruolo di Allocca, vale a dire quello di assessore al welfare. Lo stesso ruolo che riveste attualmente la vicesindaca Saccardi e che svolge, come ha dimostrato nelle ultime ore, con pugno, se non di ferro, sicuramente deciso. Con un piglio quasi da ordine pubblico.

D'altro canto, a riflessione spontanea sorge domanda (politica) spontanea: chi si occuperà del sociale, al Comune di Firenze, una volta mandata la vicesindaca alla giunta regionale? Chi, nella giunta giovane e disinvolta del sindaco, ha l'esperienza, la formazione, la resistenza, la cultura per reggere un assessorato che a Firenze in particolare, si presenta come uno dei più complessi? Non solo: da segnalarsi anche il particolare e fortissimo rapporto che lega la vicesindaca attuale alla rete del volontariato, che le consente di organizzare “rimedi” anche al volo, viste le condizioni sempre più di emergenza in cui si viene a trovare il settore. Chi potrebbe sobbarcarsi di tanto? L'unico assessore che attualmente ha "le spalle" potrebbe essere Elisabetta Meucci, che però ha il suo daffare con un assessorato altrettanto importante e complesso come l'urbanistica e il patrimonio. Dunque? Forse un esterno? Tornando a Stefania Saccardi, lasciare il ruolo di vicesindaco per un assessorato sia pur regionale, potrebbe forse celare qualche altra volontà dello staff renziano. Ricordando la vicinanza delle amministrative, sia comunali che regionali.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »