energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Accordo Regione-Nuovo Pignone: 13 milioni di investimento a Massa Cronaca

L’accordo di programma che è stato firmato oggi 28 dicembre fra la Regione e Nuovo Pignone, porterà a un investimento di 13 milioni di euro sul territorio di Massa. Via libera dunque a un sistema che riverserà su un territorio fortemente colpito dalla crisi soldi e, ci si augura, lavoro.
A gettare le basi del concreto avvio dell’intesa firmata lo scorso aprile, è stata la firma di oggi per la sottoscrizione dell’accordo di programma. Sottoscrizione che è stata compiuta da Regione Toscana, Comune di Massa, comune di Carrara, Provincia di Massa Carrara, Nuovo Pignone spa, Porto di Carara. Presenti alla firma, il presidente Enrico Rossi e quello del Nuovo Pignone Massimo Messeri, i sindaci Pucci e Zubbani, il presidente provinciale Angeli, il presidente della società Porto di Carrara Nardi.
I 13 milioni che rappresentano l’investimento diretto della Nuovo Pignone serviranno allo sviluppo di piattaforme tecnologiche per l'assemblaggio di grandi “moduli energetici” (giganti di 50 x 21 x 28 metri, pesanti fino a 2.300 tonnellate), composti da macchinari prodotti dal Nuovo Pignone stesso negli stabilimenti di Firenze e Massa Carrara. Con la creazione di una nuova area attrezzata dietro il porto di Carrara, l'azienda potrà integrare la propria filiera produttiva nel territorio toscano: vale a dire, andare dalla realizzazione di singoli componenti come compressori e turbine, all'assemblaggio e collaudo di vere e proprie mini-centrali energetiche (come nel caso dei moduli energetici per l'estrazione ed il trattamento di gas naturale prelevato nella riserva naturalistica di Barrow Island, in Australia, dove vanno i primi esemplari prodotti), fino alla spedizione via nave dal porto adiacente.
Il Nuovo Pignone dà già lavoro sul territorio a 350 addetti, come specifica il presidente Messeri, “contiamo – spiega – di riuscire a stabilizzarne nel prossimo futuro tra 250 e 300. Questa tecnologia ha commesse e prospettive molto concrete''.
Conclude il governatore Rossi, ricordando la crisi che sta vivendo il territorio di Massa Carrara: “l'accordo di oggi dimostra l'impegno con cui stiamo lavorando per valorizzarlo. Intanto segnamo questo traguardo che fa della Toscana sede di una struttura unica, d'avanguardia nel settore energetico a basso impatto ambientale''.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »