energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Regione, raccomandate tassa auto anche a esentati, caos alle stelle Cronaca

Firenze – La situazione viene segnalata dall’associazione A.D.I. N.A (associazione per la difesa delle persone non autosufficienti):  in questi giorni stanno arrivando raccomandate dalla Regione Toscana a persone finora esentate dal pagamento della tassa automobilistica sulla base della legge regionale 49 del 2003. Il messaggio: si comunica che non esistono più le condizioni di esenzione e quindi devono mettersi in regola entro il 1° febbraio.  Chi ritiene di averne diritto può successivamente presentare richiesta entro 90 giorni.

Inutile dire che preoccupazione e caos salgono immediatamente alle stelle. Sottolinea l’Associazione: “Nessuna informazione è stata data ai cittadini né alle associazioni di categoria; l’arrivo della raccomandata coglie tutti di sorpresa e genera grande preoccupazione”. 

In primo luogo, infatti, “non vengono indicate le modificazioni fatte dalla finanziaria quindi non è chiara la platea degli aventi diritto; così tutti pensano, al ricevere tale intimazione, di non avere più diritto all’esenzione”. Non solo: “Ripresentare la documentazione sanitaria – comunicano i volontari di A.D.I.N.A – complica la vita di tante persone disabili. A questo si aggiunga che, finché una persona non presenta la domanda,  è passibile di multa a partire dal 1 febbraio (da oggi, ndr)”. 

Ma il punto più preoccupante, fanno sapere dall’Associazione, “è che potrebbero essere definitivamente estromessi da questa esenzione le persone non autosufficienti con indennità di accompagnamento, ovvero gli anziani non autosufficienti che spesso non hanno la certificazione in base alla legge 104. Per queste persone una Commissione sanitaria ha decretato la necessità dell’indennità di accompagnamento, ha quindi verificato una reale necessità di sostegno economico. Si tratta per lo più di anziani divenuti non autosufficienti a causa di incidenti o gravi eventi morbosi: secondo una interpretazione della non chiara legge regionale, a loro potrebbe essere tolta questa esenzione, e alle loro famiglie aggravato il peso quotidiano di una gestione familiare sempre più solitaria e complicata”. Insomma, proprio le famiglie che si fanno carico di gestire il proprio congiunto avrebbero un aggravamento delle condizioni.

Solleviamo quindi questo dubbio di interpretazione dell’art.6 della LR81/2015 – è l’appello di A.D.I.N.A – prima che dalla Regione vengano date disposizioni all’ACI, in modo da garantire il diritto anche agli anziani non autosufficienti, senza certificazione 104. Chiediamo dunque alla Regione – concludono gli esponenti dell’Associazione – di dare una interpretazione estensiva della finanziaria, sarebbe vergognoso escludere gli anziani non autosuficienti dall’esenzione della tassa auto”. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »