energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Regione, un milione di euro contro l’evasione fiscale Economia

La Regione Toscana sostiene i Comuni nella lotta all’evasione fiscale: quella a chi non paga tributi comunali e magari neppure quelli regionali o statali. L’unione in questo caso può fare infatti la forza. L’anno scorso, all’esordio, in sedici – tra Comuni e Unioni di Comuni, compresi cinque capoluoghi – hanno beneficiato dei 500 mila euro di contributi. Quest’anno la Regione ha messo a disposizione un milione di euro ed 800 mila sono stati assegnati in questi giorni per 26 progetti presentati da 26 Comuni, tra cui 4 capoluoghi di provincia. Il decreto è in corso di emanazione.

Ne beneficeranno i Comuni di Chianni, Palaia, Peccioli, Terricciola, Lajatico e Capannoli, Buti, Calcinaia, Colle Val d’Elsa, Poggibonsi, Prato, Scarperia, Massarosa, Lucca, Fucecchio, San Giuliano Terme, Castelnuovo in Garfagnana, Pistoia, Pisa, Cascina, Arezzo, Porto Azzurro, Barberino Val d’Elsa, Pontassieve e l’unione di Figline e Incisa Valdarno.

“Abbiamo finanziato tutti i progetti che sono stati presentati – spiega l’assessore al bilancio e al rapporto con gli enti locali, Vittorio Bugli – Nella lotta all’evasione fiscale il ruolo di primo piano spetta a Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza, con cui abbiamo firmato accordi. Ma anche Regione e Comuni possono dare una mano e la prima cosa da fare è lavorare insieme, fianco a fianco”. Spazio dunque a banche dati condivise e software e modelli esportabili anche in realtà diverse, non senza dimenticarsi della formazione. “Perché – aggiunge l’assessore – se pezzi diversi della pubblica amministrazione lavorano insieme e si scambiano segnalazioni, ma non parlano la stessa lingua o non sanno bene di cosa ha bisogno l’altro, alla fine qualsiasi sforzo rischia di diventare vano”.

Un sistema integrato contro l’evasione fiscale – Tutto discende dalla legge regionale 68 del 2011, quella che ha messo mano agli enti locali. Da lì è nato il sistema integrato di contrasto all’evasione fiscale. I progetti presentati dai Comuni sono i più vari. C’è chi ha deciso di spulciare i dati del Catasto per capire quante case classificate come popolari o ultrapopolari sono ancora tali, scoprendo magari che nel frattempo si sono trasformate in villette. Altri hanno buttato un occhio sugli alloggi popolari e gli Isee presentati. C’è chi ha concentrato l’attenzione sulle auto di grossa cilindrata fermate dai vigili urbani. Una delle azioni messe in campo è proprio il sostegno all’attività della polizia municipale per lo svolgimento di attività di controllo in materia di tributi regionali. C’è chi ha deciso di unire gli uffici o potenziare i sistemi informativi a disposizione: anche la Regione assieme all’Anci Toscana (ovvero l’associazione dei Comuni) ci lavora, con il progetto Tosca che metterà a disposizione di tutti i Comuni (già 156 l’anno scorso erano parte della rete) banche dati e informazioni condivise per guadagnare tempo e scovare casi ‘sospetti’.

Del milione a disposizione per il 2013, 120 mila euro sono stati appunto assegnati a quattro Unioni perchè hanno deciso di gestire in forma associata l’attività di contrasto all’evasione ed altri 150 mila per progetti della polizia locale.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »