energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Relitto Concordia, recuperati due corpi tra lo scafo e il fondale Cronaca

Lo scorso 22 marzo erano stati individuati cinque corpi tra lo scafo della Costa Concordia, all'altezza del  ponte 3, e il fondale di Punta Gabbianara dell'Isola del Giglio, dove si trova semi sommerso il relitto della nave da crociera Costa Concordia naufragata lo scorso 13 gennaio in seguito alla collissione con gli scogli delle Scole nel mare del Giglio. Stamattina due corpi sono stati recuperati, informa una nota della struttura del commissario per l'emergenza del Giglio Francesco Gabrielli, con l'intervento coordinato dei sub del Gos della Marina militare, della Guardia Costiera, dei Vigili del Fuoco e della Polizia. I corpi erano stati individuati a vista durante operazioni propedeutiche all'impiego del robot Remote operative vehicle, che è stato utilizzato nei mesi successivi al naufragio per scandagliare il fondale per la ricerca dei corpi dispersi. Le operazioni subacquee, iniziate stamattina, stanno proseguendo per il recupero degli altri corpi.

Intanto sull'Isola del Giglio il sindaco ha emesso un'ordinanza che intende impedire e prevenire un uso improprio delle immagini legate al naufragio e al relitto della Costa Concordia, non rispettoso della tragedia che esso rappresenta. Questo l'obiettivo dell'ordinanza del sindaco Sergio Ortelli, che dispone l'immediato ritiro dal commercio delle cartoline con immagini del relitto della Concordia messe in vendita a 50 centesimi, e di "qualsiasi materiale possa fare riferimento in modo immorale alla tragedia della Concordia".

25 marzo  Concluso il defueling della Costa Concordia

Foto http://notizie.virgilio.it/

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »