energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Renzi e i doni dei Re Magi: oro incenso e mirra? No, 230milioni in tre anni Cronaca

Robin Hood e i Re Magi, ovverossia il sindaco di Firenze e la Regione. Non è certo priva di ironia la puntualizzazione che, conti, anzi, tabelle alla mano, Riccardo Nencini, assessore al bilancio e ai rapporti istituzionali della Toscana, compie sui conferimenti di risorse che la Regione ha operato nei confronti del Comune di Firenze negli ultimi tre anni. Una precisione-puntualizzazione-presentazione che non può non rimandare alle polemiche intercorse fra Nencini e Renzi (cui si aggiunse a dar manforte al sindaco l’assessore al bilancio comunale Claudio Fantoni con una piccatissima risposta) nei giorni prima di Natale circa l’aumento dell’Irpef regionale. Un aumento che, secondo il sindaco, pesava troppo sulle tasche dei fiorentini; inoltre, l’incremento che ne sarebbe derivato, fra i 23 e i 25 milioni di euro, sarebbero stati soldi tolti al Comune. Cosa smentita immediatamente dallo stesso Nencini, ma che aveva lasciato una scia di polemiche mal sopite. E oggi, 7 gennaio 2012, arrivano conti e tabelle.

Intanto, negli ultimi tre anni, dalla Regione sono transitati verso il Comune di Firenze circa 230 milioni di euro.
''I numeri lo confermano, la Regione ha mantenuto flussi di risorse costanti a Firenze, consentendole di mantenere inalterati servizi, strutture e infrastrutture –precisa Riccardo Nencini -lo abbiamo fatto ed è giusto che sia così. Del resto – aggiunge – ci è ben chiaro che Firenze è non solo il capoluogo della Toscana, ma una città del mondo''.
Numeri dunque: sui circa 230milioni complessivi trasferiti in tre anni, sono oltre 73 i milioni di euro attribuiti nel 2011, senza contare i contributi per la tramvia (67 milioni in totale), e un milione sui 4 appena stanziati dalla Giunta regionale per l'emergenza sfratti. Evidenziando anche che i trasferimenti a Firenze sono stati più alti in proporzione rispetto alle altre città capoluogo, e sono aumentati con l'avvento alla presidenza di Enrico Rossi: dai 52,7 milioni del 2009 ai 100,8 milioni del 2010, fino agli oltre 73 del 2011.
“Se c’è un sindaco Robin Hood –  ricorda dunque l’assessore – è anche perché dietro c’è una Regione che porta i doni come i Re Magi”.
Tornando al flusso di risorse regionali verso il Comune di Firenze, si evince dai numeri che non si è interrotto o sia diminuito malgrado ''alla Toscana siano arrivati nell'anno passato, e arriveranno per l'anno in corso, tra i 550 e i 600 milioni di euro in meno dallo Stato. La differenza la facciamo coi tagli alla burocrazia e ai costi della politica, che ci consentono di mantenere invariati i servizi alla persona''. Ma anche riorganizzando il sistema degli enti con la legge recentemente approvata, e intensificando l’azione di contrasto all’evasione fiscale. Il che significa, conclude Nencini, “più rigore, dunque, ma anche più equità, con l'aumento dell'addizionale Irpef, che comunque resta tra le più basse d'Italia, per i redditi sopra i 75mila euro che ci consentirà di mantenere invariato il livello di finanziamento per la spesa sanitaria e di compensare il minor gettito derivante dalla compartecipazione Iva''. E dunque, ribadisce l’assessore, chi sostiene che la Regione alza le tasse per colpire i cittadini sbaglia due volte: “la prima, perchè il Governo non ha conferito alle Regioni nessun potere di nuova tassazione, la seconda perchè nella manovra Monti si specifica che il maggior gettito di 150 milioni prodotto dall'aumento dell'aliquota base dell'addizionale regionale Irpef a partire dal 2011, salito dallo 0,9 all'1,2 per cento, è da destinarsi integralmente al servizio sanitario”.
E dunque, per quanto riguarda la “manovrina” tutta regionale dell’aumento Irpef dello 0,5% per lo scaglione di reddito oltre i 75mila euro annui, che parte dal 2012?  ''Quanto all'ulteriore ritocco dello 0,5 per cento – ricorda Nencini – porterà presumibilmente 11 milioni, di cui 2,6 da parte dei contribuenti fiorentini. E' evidente che è una manovra da 'peso piuma' rispetto ai 'tagli-Tyson' del Governo''.
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »